In arrivo i primi profughi, saranno ospitati a Forlì e Cesena in piccoli gruppi

In arrivo i primi profughi, saranno ospitati a Forlì e Cesena in piccoli gruppi

In arrivo i primi profughi, saranno ospitati a Forlì e Cesena in piccoli gruppi

La provincia di Forlì-Cesena vedrà venerdì l'arrivo dei primi profughi nordafricani di Lampedusa. Non saranno i 45 attesi inizialmente, ma solo 10 o al massimo 16. Questo perché la Protezione civile ha ridefinito le quote regionali: all'Emilia-Romagna 184 migranti e non 500 come detto fino a giovedì. Gli immigrati verranno dislocati nella città di Cesena in un primo momento, mentre i secondi arrivi saranno per Forlì. Nessun arrivo a Modigliana e Santa Sofia.

 

I primi dieci sono tunisini senza famiglia al seguito. I profughi arriveranno senza permesso di soggiorno, le cui pratiche saranno avviate dalla Questura di Forlì-Cesena. In particolare, saranno dotati di permessi di soggiorno per motivi umanitari della durata di sei mesi eventualmente rinnovabili in altri sei, "sono quindi persone libere", ha precisato il vice-presidente della Provincia Guglielmo Russo. E anche in attesa della consegna del permesso di soggiorno (alcuni giorni) non avranno lo status di clandestino e si potranno muovere liberamente in Italia e in Europa. "Per cui è ipotizzabile che una parte si allontani volontariamente dal territorio provinciale", precisa Russo.

 

I dieci arriveranno nella ex scuola elementare Oriola di via Santa Lucia a Cesena. Altri posti sono disponibili a Forlì al centro di accoglienza notturna della chiesa di Santa Maria del Fiore di via Ravegnana a Forlì (6 posti), nella casa di accoglienza dei richiedenti asilo, in viale Roma a Forlì (4 posti), in un appartamento messo a disposizione dalla Cooperativa ‘Al margine' di Vecchiazzano (4 posti) ed infine in un altro appartamento del Comune di Cesena in via Dandini (4 posti). Gli appartamenti sono indirizzati soprattutto ai nuclei famigliari. Tre minori somali hanno già trovato accoglienza nei giorni scorsi in due istituti di Savignano sul Rubicone e Forlimpopoli.

 

Ormai avviato alla conclusione della gestione della fase preparatoria dell'emergenza commenta  Guglielmo Russo, vice-presidente della Provincia: "Vorrei sottolineare che la situazione di emergenza nazionale deriva da un pasticcio fatto dal Governo. Abbiamo suddiviso gli arrivi in piccoli gruppi per evitare tensioni sul territorio. Tensioni cercate, invece, da chi ha creato allarme in un'operazione completamente politica. Coloro che in questi giorni hanno detto ‘Lampedusa in val Bidente' e ‘Invasione di profughi in Romagna' sono gli stessi che sono al governo. Non è stato serio da parte loro affrontare così un'operazione che non sarà una passeggiata".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da parte sua, spiega Lorenzo Mirelli, presidente del coordinamento dei volontari di protezione civile: "La protezione civile impiegherà in questa fase 10-20 volontari". A loro sarà demandato un compito logistico e di trasporto. I profughi verranno ospitati nelle strutture dette, con vitto e alloggio, verrà dato loro vestiario e per loro sarà disponibile un servizio di mediazione linguistica e culturale. Sulla scelta dei siti, infine precisa Russo: "Non è la Provincia ad individuare i siti. Abbiamo riunito i Comuni per sollecitare il monitoraggio delle possibili localizzazioni e raccolto le disponibilità".

Commenti (3)

  • Avatar anonimo di Anonimo007
    Anonimo007

    Ma scusate.. se tutti quelli delle provincie dicono: gli immigrati hanno il permesso di soggiorno, sono liberi e probabilmente se ne andranno dal territoro.. bene.. quelli mandati a forlì andranno a ravenna quelli di ravenna a rimini quelli di rimini a forlì.. siamo di nuovo da capo...

  • Avatar anonimo di MirkoM
    MirkoM

    Ma fatemi un piacere, ameni signori BlàBlàBlà! Vi fa comodo blaterare contro il Governo perchè siete arsi dalla rabbia di non starci voi. E menomale! Se no andava a finire che ci avreste importato mezza Africa, accomodandola non solo in alberghi e GrandHotel, ma perfino obbligarci anche ad accoglierla nelle nostre private abitazioni! Ridicoli!

  • Avatar anonimo di minotauro
    minotauro

    non si può che condividere le parole del sig. Russo,dire che c'è stata poca serietà da parte di qualcuno mi pare riduttivo,io direi anche vergognoso,e.....molto di più! saluti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -