In dieci anni 336 morti sulle strade bolognesi

In dieci anni 336 morti sulle strade bolognesi

In dieci anni 336 morti sulle strade bolognesi

Una carneficina: si può sintetizzare così il bilancio di dieci anni di incidenti stradali in provincia di Bologna. Dal 1998 al 2007 sono morte 336 persone e altre 37.000 sono rimaste ferite, di cui piu' di 700 hanno subito invalidita' permanenti. Sono le cifre messe assieme dallo studio di Giampiero Mucciaccio, direttore del Centro Antartide di Bologna in occasione della campagna per la sicurezza stradale "Quando guidi rispetta l'anziano che sarai".

 

Una iniziativa promossa da 70 istituzioni, scuole imprese e sindacati, tra cui Comune e Provincia di Bologna, Prefettura, Osservatorio per l'educazione e la sicurezza stradale della Regione Emilia-Romagna, Centro Antartide, Cgil, Cisl e Uil, Ascom, Ausl di Bologna, Aci.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per far notare la dimensione del dramma degli incidenti stradali nel Bolognese, è stata effettuata un'installazione di 336 sedie vuote sul "crescentone" di piazza Maggiore, per testimoniare l'assenza delle vite perdute sulle strade di Bologna dal 1998 al 2007. Un metodo ‘toccante' per sensibilizzare l'opinione pubblica: infatti su ogni sedia è scritto il nome, l'eta', la tipologia delle vittime (motociclista, camionista, pedone, ciclista, automobilista e passeggero) ed è stata apposta una rosa.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -