In manette la nuova Eva Kant: rubava merce per venderla on-line

In manette la nuova Eva Kant: rubava merce per venderla on-line

La passione per le aste online l’aveva catturata fino al punto di farla uscire dalla legalità. Un’anconetana di 40 anni, ma residente a Rimini, è stata infatti arrestata con l’accusa di furto aggravato da frode e prestazione d’opera. Perché la donna, manager di un ipermercato, aveva avuto la ‘brillante’ idea di rubare merce dai magazzini, per poi rivenderla su eBay, il famoso sito internet di aste on-line, nel quale aveva scelto un nick più che mai appropriato: Eva Kant.

La donna portava dispositivi soprattutto tecnologici, tra cui cellulari, i-pod, console e computer, ma anche capi d’abbigliamento, nel suo ufficio dove li privava del talloncino di riconoscimento. A questo punto gli oggetti erano irriconoscibili e pronti per la vendita su eBay, per il quale la donna aveva scelto un nickname del tutto appropriato: Eva Kant, la compagna di Diabolik. Gli utenti che partecipavano all’asta erano di conseguenza gli inconsapevoli ‘ricettatori’ della merce rubata dalla donna.

La sua posizione manageriale le aveva permesso di farla franca, fino a quando il sempre più consistente numero di furti ha fatto insospettire la massima dirigenza dell’ipermercato, che ha deciso di rivolgersi alla polizia per scoprire gli autori di questi ‘colpi’. Quasi 40 giorni di indagini hanno permesso agli agenti di scoprire la donna, anche grazie a delle intercettazioni, e di arrestarla con l’accusa di furto aggravato da frode e prestazione d’opera. Ora la donna si trova rinchiusa nella sezione femminile del carcere di Forlì.



Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -