Inchiesta 'area vasta'. L'assessore regionale: "Carradori sulla graticola, giudice faccia presto"

Inchiesta 'area vasta'. L'assessore regionale: "Carradori sulla graticola, giudice faccia presto"

Tiziano Carradori

RAVENNA - Il direttore generale dell'Ausl di Ravenna, Tiziano Carradori "ha le sue buone ragioni" per sperare che l'inchiesta che lo riguarda chiuda presto. "Stare sulla graticola per 50 giorni non e' il modo ideale per assolvere i propri compiti". L'assessore regionale alla Sanita', Carlo Lusenti, mercoledì a margine dell'Assemblea legislativa, replica con un "vedremo" a chi gli chiede un commento sull'indagine della Procura di Forli'' sull'appalto dei trasporti del centro prelievi  del laboratorio Unico di Pievesestina di Cesena.

 

Ma Lusenti non lesina l'esortazione alla magistratura a fare presto, visto che il gip Giovanni Trere' non ha ancora sciolto la riserva sulla richiesta del Pm Alessandro Mancini di misura cautelare nei confronti di Tiziano Carradori, direttore generale dell'Ausl di Ravenna, su cui da oltre un mese pende, assieme ad altri due funzionari della sanita' romagnola, una richiesta di sospensione dai pubblici uffici. Una cosa e' certa per l'assessore: "noi non siamo per gli atteggiamenti del 'qualcuno ha detto', 'qualcuno ha fatto'. Noi stiamo sui fatti", conclude Lusenti. (Dire)

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -