Inchiesta 'grandi eventi', gli arrestati restano in carcere

Inchiesta 'grandi eventi', gli arrestati restano in carcere

Inchiesta 'grandi eventi', gli arrestati restano in carcere

Il gip di Firenze, Rosario Lupo, ha respinto l'istanza di scarcerazione presentata dai legali di Diego Anemone, Angelo Balducci, Mauro Della Giovampaola, tre dei quattro arrestati nell'ambito dell'inchiesta della procura fiorentina sugli appalti per i grandi eventi gestiti dalla Protezione civile. Il quarto arrestato, Fabio De Santis non aveva presentato richiesta di revoca della custodia cautelare. Il gip ha spiegato che "permangono tutte le esigenze di custodia cautelare".

 

In base a quanto si apprende nell'ordinanza che respinge le scarcerazioni, il giudice spiegherebbe che anche all'esito degli interrogatori non sarebbero stati apportati nuovi elementi tali da contrastare con quanto contenuto nella misura cautelare. Rimarrebbero inoltre, sempre secondo quanto emerso, le esigenze cautelari che avevano portato agli arresti, ovvero, a vario titolo, il pericolo di fuga, di inquinamento delle prove e di reiterazione del reato.

 

Sulla questione è intervenuto sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Paolo Bonaiuti, secondo il quale "c'e' molta polvere nell'aria, un polverone che nasconde tutto. Ogni giorno esce un nome. Ho visto troppe volte intercettazioni da una parte e dall'altra distese sui giornali che squadernavano nomi. Poi, alla sentenza, si e' visto come tutte queste accuse si siano dissolte nell'aria''.

 

Anche il leader del Pd, Pier Luigi Bersani, ha preso la parola: "Cerchiamo di distinguere le cose rilevanti da quelle meno rilevanti e da quelle sulle quali la magistratura farà il proprio ruolo. Non deve diventare un pasticcio, in cui a un certo punto non si capisce più il filo logico".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -