Incidenti stradali, l'alcol è un killer spietato

Incidenti stradali, l'alcol è un killer spietato

Incidenti stradali, l'alcol è un killer spietato

Oltre un terzo degli incidenti mortali in Emilia-Romagna è attribuibile alla guida in stato di ebbrezza, e molto spesso le vittime hanno un età tra i 21 e 34 anni. Con lo slogan "Se guidi non bevi" entra nel vivo la campagna di prevenzione e comunicazione sociale contro l'abuso di alcol. Testimonial d'eccezione Claudia Penoni, comica di Zelig, madrina ufficiale della cerimonia di presentazione di tutta l'iniziativa. Nel 2006 in Emilia-Romagna vi sono stati 24mila incidenti.

 

La campagna di prevenzione, promossa dal Coordinamento dei Programmi Dipendenze Patologiche delle quattro Aziende USL di Cesena, Forlì, Ravenna  e Rimini e patrocinata dalla Regione, dalla Banca di Cesena, dall'Avis e dall'Istituto Oncologico Romagnolo, è destinata alla popolazione del territorio di Area Vasta Romagna e in particolare ai giovani, rientra nell'ambito del più ampio progetto "Notti Sicure" attivato nel 1998 dal Ser.T. dell'Azienda USL di Cesena, uno  dei primi progetti a livello regionale e nazionale di prevenzione e riduzione dei comportamenti a rischio in particolare per l'abuso di alcol e nuove droghe.

 

Obiettivo principale è promuovere la salute e la consapevolezza nei contesti del divertimento notturno e di aggregazione giovanile sui rischi associati alla guida in stato di ebbrezza alcolica per incentivare comportamenti responsabili di guida.

 

L'Organizzazione Mondiale della Sanità riporta infatti che i traumi della strada sono la prima causa di morte sotto i 40 anni nei paesi industrializzati. Nel 2006 In Emilia Romagna gli incidenti stradali sono stati quasi 24.000 (meno 8% rispetto al 2000) e con 539 morti (meno 37%) e 33.235 feriti (meno 8%) mentre in Italia sono stati registrati oltre 238.000 incidenti stradali, con circa 5670 morti e 330.000 feriti. Gli incidenti stradali più gravi sono spesso provocati dall'alcol: oltre 1/3 della mortalità sulle strade è attribuibile alla guida sotto l'effetto dell'alcol. La fascia più colpita è tra i 25 e 29 anni (587 decessi in valore assoluto), seguiti dalla fascia di età 30-34 anni (573 morti) e dalla fascia 21-24 anni (516 morti). I dati ISTAT confermano due situazioni particolari: durante la notte (dalle ore 22 alle 6) si registrano il più elevato indice di mortalità (con un  picco alle ore 5, in cui si verificano il 5,8% di incidenti) e la minor percentuale di incidenti (10,8%) e di morti (27,6% del totale dei decessi); di giorno (ore 7-21), invece, si ha il più basso indice di mortalità, ma anche il più elevato numero di incidenti e di morti.

 

Le dimensioni del problema e il forte impatto a livello locale rendono quindi necessario attuare strategie di prevenzione volte a incidere sui comportamenti delle persone più esposte, in continuità con il cammino compiuto in questi anni dai servizi pubblici. In questo ambito si inserisce la nuova campagna di comunicazione, sostenuta da diversi enti pubblici e privati del territorio regionale e articolata in diverse fasi: la prima, promossa dal Sert di Cesena, in collaborazione con i Ser.T e gli Uffici Comunicazione delle aziende sanitarie di Area Vasta, riguarderà la diffusione del video-spot "Se Guidi non Bevi"(realizzato dallo studio Perky Pat di Luca Stringara e interpretato dall'attore Enrico Montevecchi) in ambito mediatico (Tv, cinema, multisala) e nei luoghi pubblici (aeroporti, stazioni autobus, scuole guida). La campagna proseguirà poi con gli spettacoli di beneficenza che vedranno l'attrice Claudia Penoni in qualità di testimonial affiancata dal noto comico Paolo Cevoli in programma il 27 novembre 2009 al Teatro Comunale di Cesenatico, il 18 febbraio 2010 al Teatro Garibaldi di San Piero in Bagno e il 18 marzo 2010 al Teatro Verdi di Cesena: il ricavato delle serate sarà devoluto per l'acquisto di un'apparecchiatura biomedicale portatile per attività di monitoraggi attività di monitoraggio e prevenzione, a cura del Ser.T di Cesena, attraverso le analisi delle urine per riscontrare la presenza di sostanze intossicanti. All'entrata dei teatri, in occasione di questi spettacoli, verranno inoltre distribuiti materiali informativi ed etilometri monouso.

 

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di matteol
    matteol

    Sarebbe interessante poter conoscere le fonti della notizia, ed analizzarle. Il ministro Zaia, pochi mesi fa, ha illustrato il rapporto Istat-ACI sugli incidenti stradali relativi all'anno 2007 evidenziando come la percentuale di incidenti provocata dall'ebbrezza del conducente sia poco meno del DUEVIRGOLAUNO per cento. Questo per puntare il dito contro chi accusa l'alcool di essere un "killer" per la sicurezza stradale. Ora, come dal 2,1 la percentale possa passare ad "oltre un terzo" sarebbe interessante da capire, ma no nho trovato tabelle con dati precisi.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -