Influenza A, ''non bisogna abbassare la guardia''

Influenza A, ''non bisogna abbassare la guardia''

Influenza A, ''non bisogna abbassare la guardia''

ROMA - Il virus dell'influenza A/H1N1 starebbe seguendo un "decorso blando", ma "non bisogna abbassare la guardia". E' quanto ha affermato Maria Rosaria Capobianchi, direttore del Laboratorio di Virologia dell'Istituto nazionale per le malattie infettive 'Lazzaro Spallanzani' di Roma. "I virus influenzali sono imprevedibili - ha spiegato l'esperta -. In passato pandemie dopo la prima ondata sono tornate con più violenza, in altri casi invece il virus e' quasi sparito".

 

Non è chiaro insomma cosa accadrà succederà. L'importante, ha evidenziato Capobianchi, sarà "mantenere alta l'allerta e procedere, come lo scorso anno, con un lavoro di vigilanza efficace, che ha visto il mondo unito e impegnato come un unico laboratorio".

 

L'esperta ha anche evidenziato che preoccupano anche "i virus trasmessi da vettori, come quello della Chikungunya o del West Nile". L'Italia, ha aggiunto Capobianchi, "è il Paese più ricco di zanzare tigre in Europa e sono stati rilevati serbatori anche fra colonie di uccelli e cavalli. Anche su questa emergenza non va assolutamente abbassata la guardia".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -