Internazionalizzazione, l'Emilia-Romagna guarda agli Usa con Automotive e Big Data

Missione istituzionale a New York del presidente Bonaccini e dell'assessore Patrizio Bianchi con imprese e sistema dell'alta formazione e della ricerca: "Lavorare insieme sta pagando, intendiamo continuare a investire su qualità e competenze per crescita e sviluppo".

Internazionalizzazione delle imprese, partnership tecnologiche, attrazione sia di investimenti sia di centri di ricerca: su crescita e sviluppo, l’Emilia-Romagna continua a guardare agli Stati Uniti, dove, nel 2015, oltre 4.800 aziende emiliano-romagnole hanno venduto i loro prodotti (+1,4% rispetto all’anno precedente) per un valore complessivo  dell’export pari a 6 miliardi di euro (+20%, il 10% dell’export regionale), numeri che ne fanno il secondo partner commerciale dopo la Germania. Parte infatti domenica 12 febbraio la missione istituzionale guidata dal presidente della Regione, Stefano Bonaccini, insieme a imprese, associazioni e sistema dell’alta formazione e della ricerca, fra cui le Università di Bologna e quella di Modena, Bologna Business School, Democenter – Centro innovazione rete alta tecnologia. Con lui anche l’assessore alla Formazione, Lavoro, Università, Patrizio Bianchi. A New York, in tre giorni di incontri, visite e workshop, si punterà in particolare su due comparti che rappresentano vere e proprie eccellenze sia a livello nazionale che internazionale: l’Automotive, con la Motor Valley che vede concentrate in Emilia-Romagna fra le più grandi case di auto e moto del mondo, con anche il suo indotto turistico legato ai musei industriali, e il settore dei Big data (operano in regione società, istituti e centri universitari che insieme sviluppano il 70% dell’intera capacità di calcolo italiana). E non vanno dimenticate le 140 società di capitale con almeno 1 milione di euro di fatturato presenti in Emilia-Romagna e possedute per più del 50% da operatori americani, con 14mila dipendenti totali, ricavi aggregati per 5 miliardi di euro e un valore aggiunto complessivo che supera il miliardo. Imprese arrivate soprattutto per esserci in un mercato di sbocco e per la presenza qui di catene di fornitura locali, compreso l’accesso al sistema educativo e della ricerca.

“Intendiamo continuare a investire in qualità e competenze- sottolinea il presidente Bonaccini- per rafforzare ulteriormente la capacità dell’Emilia-Romagna di competere a livello internazionale con le aree più avanzate. Ricerca, innovazione e formazione sono i fattori su cui puntiamo, sia per esportare i nostri prodotti d’eccellenza sia per attirare qui saperi e capitale umano. Lavorare insieme e fare sistema fra istituzioni, imprese, sindacati e associazioni sta pagando. Il fare rete sta diventando il vero valore aggiunto della nostra regione, per continuare a crescere e creare occupazione, in un contesto di equità sociale basato contemporaneamente sul potenziamento di sanità e welfare regionali”.

Oltre all’incontro del presidente Bonaccini con il Console generale italiano a New York, Francesco Genuardi, fra le iniziative previste nell’ambito della missione ci sono, lunedì 13, la visita al Centro di ricerca ‘Thomas J. Watson’ dell’IBM e un seminario per le imprese a cura dell’Istituto per il commercio estero (ICE) su come orientarsi nel mercato Usa. Martedì 14, il presidente della Regione interverrà alla 6^ edizione di “Italy meets the United States of America”, insieme al Rettore dell’Università di Bologna, Francesco Ubertini, e ai rappresentanti di Lamborghini e Dallara, mentre mercoledì 15 all’ICE di New York si terrà un evento dedicato all’Automotive che vedrà insieme imprenditori italiani del settore con omologhi americani e fondi di investimento. Sempre mercoledì, le visite agli incubatori della Rete Urban Tech NYC.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Martedì 14 il presidente Bonaccini parteciperà anche alla presentazione alla stampa e agli operatori turistici americani del Verdi Festival, all’Istituto italiano di cultura. New York è infatti la prima tappa del road show internazionale per illustrare l’edizione 2017 della rassegna lirica, prevista a Parma e Busseto dal 28 settembre al 22 ottobre, che toccherà poi altre prestigiose sedi degli Istituti Italiani di cultura - Monaco di Baviera (22 febbraio), Stoccolma (15 marzo) e Londra (23 marzo) - grazie alla collaborazione fra l’assessorato regionale alla Cultura, la Fondazione Teatro Regio di Parma, Apt Servizi Emilia-Romagna, Parma Incoming, Enit e Istituti italiani di cultura (IIC). 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -