Iper a Forlì, Confcommercio: "Urgente un piano per il centro"

Iper a Forlì, Confcommercio: "Urgente un piano per il centro"

Iper a Forlì, Confcommercio: "Urgente un piano per il centro"

FORLI' - Ora il centro storico deve reagire se vuole essere competitivo, l'iper apre il 7 aprile e i timori sono tanti. Confcommercio non cambia la sua opinione: "Aspettiamo da 1 anno e mezzo il progetto strutturale per il centro storico dal Sindaco - sottolinea il direttore Luciano Santarelli - senza questo e senza una revisione del costo orario della sosta, è complicato aumentare la propria competitività con le altre aree omogenee, che comprendono non solo i centri commerciali, ma anche gli altri centri storici".

 

Insomma l'iper è una minaccia al centro storico in queste condizioni. Secondo Confcommercio bisogna arrivare ad un progetto per le modifiche strutturali del centro, una sorta di 'restauro' del salotto di Forlì, per poi procedere alla pedonalizzazione ad isole. "La nuova amministrazione - continua Santarelli - non ne ha voluto sapere dell'Agenzia del centro storico e noi aspettiamo un riscontro. Devono essere create le condizioni utili per la competitività. Intanto i commercianti devono puntare sulla specializzazione, sull'assistenza alla clientela e sul servizio, cose che già fanno".

 

Secondo il segretario di Confesercenti, Giancarlo Corzani, "gli imprenditori devono capire l'importanza di fare rete, stare insieme facendo fronte comune rispetto ad una realtà composta da svariate opzioni commerciali". La concorrenza non è solo per il centro storico, ma per i supermercati, per il settore ristorazione, "la competizione ci sarà per tutti, occorre una reazione".

 

Intanto "l'iper completa il quadro della rete distributiva della città - aggiunge Corzani - e speriamo che recuperi le quote di mercato che vanno a quella tipologia di vendita per il nostro territorio".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chiara Fabbri

Commenti (4)

  • Avatar anonimo di Jacky
    Jacky

    Mi occupo di GDO da oltre 20 anni, e vorrei far presente che le 2 cose, centro storico e centro Commerciale, possono coesistere benissimo se supportate da politiche commerciali mirate alla "conquista" del consumatore. Un esempio: Brescia (c.a. 1 mio di abitanti) con i suoi 21 Ipermercati è la città che ha il maggiore spazio "occupato" dai centri commerciali rispetto al numero di abitanti. Il doppio rispetto a Bergamo, oltre il triplo rispetto a Milano. Nonostante questo, la densità degli esercizi "di vicinato" (negozi tradizionali per capirci) non va poi così male; Brescia è seconda con 153 metri quadrati ogni 100 abitanti. A guidare la classifica in questo caso è Bergamo (222 metri quadrati ogni 100 abitanti), poi arrivano Como con 119, Milano con 98, Monza con 94. Queste città, come Forlì hanno un centro storico dove ci sono negozi, bar, ristoranti ecc. che vi posso assicurare che lavorano e alcuni anche tanto, anche nei gg infrasettimanali. Si rinnovano continuamente, attivano delle proposte e delle offerte in linea con le aspettative dei clienti ecc.Con questo concludo dicendo che continuando a piangersi addosso e aspettando sempre che qualcuno faccia qualcosa, il centro storico e i suoi negozi continueranno a diminuire come è successo fino ad oggi. Ma fino ad oggi l'Iper non c'era e quindi di chi è stata la colpa? Quali proposte sono state fatte dale associazioni di categoria?

  • Avatar anonimo di remigio
    remigio

    certamente! in centro storico deve rinascere, deve essere competitivo e come con il costo dei parcheggi? mi pare un'utopia! chiaramente se le sassociazioni di commercianti si siedono ad un tavolo comune una soluzione si trova:d'altronde non è che si poteva sperare che Forlì non avesse il suo centro commerciale.speriamo bene per il commercio cittadino!

  • Avatar anonimo di signorG
    signorG

    a dir la verità il piano di rilancio del centro, come ogni attività di pianificazione, compete all'amministrazione pubblica... magari competesse alle associazioni! se così fosse io potrei fare un'associazione con i miei vicini di strada per costruire tutti nei nostri lotti grattacieli chilometrici collegati da una monorotaia a 30 metri dal suolo...io ben che son basito!

  • Avatar anonimo di cesare
    cesare

    Sono basito. Le associazioni di categoria non hanno ancora fatto un progetto esecutivo sul rilancio del centro Storico? Cosa pensavano che l'iper si fermasse? Sveglia associazioni di categoria, sveglia commercianti, è mattina!!!! Oggi occorre essere propositivi se si vuole andare avanti. Cesare

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -