Iper Forlì, tutto esaurito al Conad. Ultime assunzioni

Iper Forlì, tutto esaurito al Conad. Ultime assunzioni

Iper Forlì, tutto esaurito al Conad. Ultime assunzioni

FORLI' - Manca poco più di un mese all'apertura del centro commerciale Punta di Ferro. I vertici di Conad e Sgi srl, società che gestisce gli ipermercati di Forlì e Rimini (Le Befane), lo confermano. "Stiamo lavorando per fine marzo, in tutto il Conad E.Leclerc di Forlì conterà circa 170 dipendenti - spiega Danilo Frattini, direttore Sgi - 100 full time e 70 part time a grandi linee. Abbiamo svolto circa 400 colloqui". Sembra essere quasi tutto pronto per l'inaugurazione dei circa 34mila metri quadri di centro commerciale.

 

Di questi oltre 12mila saranno occupati dal Conad. "Le assunzioni per l'ipermercato - conferma Luca Panzavolta, consigliere delegato - sono quasi giunte al termine, manca ancora qualche part time". Una quindicina e i giochi sono fatti. Di tutto il personale saranno al massimo 40 i dipendenti Conad che verranno trasferiti dall'ipermercato riminese. "Si tratta di residenti nelle zone limitrofe che hanno fatto domanda - spiega Frattini - alcuni capireparto, assunti nel 2005, un paio di amministrativi e poi diversi addetti agli altri settori".Finita la caccia al posto di lavoro.

 

Non vanno dimenticati i 100 esercizi commerciali, di cui 6 tra bar e ristoranti. Qualche nome per rinfrescare la memoria: Marco Polo, H&M, Motivi, Calzedonia, Intimissimi, Mc Donald's, America Graffiti.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chiara Fabbri

Commenti (9)

  • Avatar anonimo di DanieleB
    DanieleB

    Quindi, desumo dai commenti, a fronte dei 170 nuovi assunti il commercio "tradizionale" perderebbe 1.020 occupati. Ipotizziamo un paio di dipendenti per negozio (so anch'io che alcuni ne hanno molti di più ma ci sono anche negozi ove vi lavorano solo i titolari) perderemo (TEORICAMENTE) 510 negozi....MAGARI FORLì AVESSE UN COSI' AMPIO NUMERO DI ESERCIZI COMMERCIALI, saremmo la cittadella del commercio, ma poi salterebbe fuori quello che preferiva l'epoca del baratto perchè si viveva meglio....e siamo di nuovo da quel pero e da quel fico!!!

  • Avatar anonimo di Alan F
    Alan F

    @marcsbr: finalmente qualcuno che parla dati alla mano e non per slogan... STIMA per te!

  • Avatar anonimo di oOoOoOoOo
    oOoOoOoOo

    @ rossofo peccato che conad è nata come cooperativa, facile fare i "comunisti" con le grandi catene di distribuzione negli ipermercati!!... e poi conad va a togliere il conad margherita di via Somalia, guardacaso poco lontano dal nuovo ipermercato... si vede che gli rendeva poco... e questa sarebbe una cooperativa, te pensa...

  • Avatar anonimo di Davide3
    Davide3

    Tutte le altre città hanno un centro commerciale, da anni, Forlì no. Dobbiamo stare ancora in balia di questi bottegai che non vogliono cambiare nulla e vogliono continuare a vendere come facevano 30anni fa? Siete proprio sicuri che il centro commerciale vi schiaccierà oppure sarà così solo con i negozi che non si differenzieranno dagli altri/dalla massa? Vogliamo ancora continuare a sostenere che in centro la gente non ci va per i parcheggi e non perchè ci sono pochi negozi attraenti? Allora restiamo all'età della pietra, interessi corporativi ecc... Se alcuni bottegai non riescono più a guadagnare perchè sono superati... allora che cambino lavoro, non saranno loro la scusa per mantenere arretrato un intero territorio.

  • Avatar anonimo di rossofo
    rossofo

    La destra Lega e berlusconi sono per il libero mercato dove fa comodo a loro.

  • Avatar anonimo di Max67
    Max67

    Per marcsbr: Porta tessere e voti......ti sembra poco?

  • Avatar anonimo di marcsbr
    marcsbr

    Un rapporto della camera di commercio di mestre mette in evidenza come per ogni addetto assunto nella grande distribuzione, il commercio tradizionale ne deve licenziare sei. In un momento di crisi come questo l'apertura di strutture del genere e' incomprensibile. Per lo piu' se si pensa che questi grandi gruppi non reinvestono la ricchezza sul territorio per cui il danno diventa doppio. Almeno si potrebbe dire che se passa il federalismo parte dell'iva rimarra' sul territorio.. Ah, no dimenticavo gli scontrini della grande distribuzione sono rigorosamente non fiscali. E i parcheggi che si costruiranno in loco a spese nostre rigorosamente a sosta gratis.. Questo non si puo' considerare sviluppo sostenibile

  • Avatar anonimo di oOoOoOoOo
    oOoOoOoOo

    Ottimo !!

  • Avatar anonimo di Merdonze
    Merdonze

    34.000 mq. ??? ma non erano 21.500 ???

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -