Islam, Baldini (LF) replica a Karima Moual

Islam, Baldini (LF) replica a Karima Moual

BOLOGNA - Da Bologna, il Presidente Nazionale LF, Daniele Baldini, nel leggere sul sole 24 ore del giorno 1 dicembre 2009 l'articolo a firma di Karima Moual, con la quale lo stesso Baldini ha già dibattuto in un convegno a Milano intitolato " Islam e Mondo Occidentale " interviene su alcuni passaggi relativamente al minareto ed al rispetto delle minoranze. "Il problema - sottolinea Baldini - non è che la struttura architettonica si scosti dalle linee occidentali o che serva da "faro" per i fedeli ma è esclusivamente legato al processo di integrazione che oggi non appare essere un obiettivo ricercato , ma neppure spesso percepito da molti degli stessi immigrati di fede islamica nel nostro Paese come nel resto dell'Europa."


"Un processo che non sarà un effettivo inizio  fino a quando almeno l'Islam che si definisce "moderato", nonché vittima di una presunta intolleranza causata da infondate (secondo loro) paure occidentali, non decida di sottoscrive ed accettare pienamente  la Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo firmata a Parigi nel 1948 sotto l'egida delle Nazioni Unite. Come si può attribuire il risultato elvetico ad un presunto effetto psicologico legato a problemi di comunicazione e/o come si può parlare di mancanza di democrazia e di scarsa tutela delle minoranze quando non si riconosce il valore assoluto e imprescindibile del rispetto dei diritti umani ? "


Già nel dibattito a Milano, Baldini entrò su questo tema spinoso e Karima Moual si disse pronta a dialogare. Baldini propose pertanto di aprire un dialogo franco e completo ma solo  a seguito della sottoscrizione da parte della stessa Karima della sopracitata Dichiarazione. Baldini aveva anche invitato la giornalista al convegno tenutosi a Bologna lo scorso 28 novembre, sempre sull'Islam ed il mondo occidentale, ma la scrittrice non ha partecipato. Una minoranza, conclude il presidente LF, può ben chiedere il rispetto dei diritti che gli sono riconosciuti dalle leggi e dalla cultura del Paese ospitante, ma allo stesso tempo detta minoranza, ha il dovere di riconoscersi ed adeguarsi pienamente a tali leggi e cultura.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -