''Istiga al razzismo'', vietati i comizi al leghista Gentilini

''Istiga al razzismo'', vietati i comizi al leghista Gentilini

VENEZIA - Quattromila euro di multa e sospensione per tre anni dai pubblici comizi. E' questa la condanna inflitta dal giudice del tribunale di Venezia al vicesindaco di Treviso Giancarlo Gentilini, colpevole in occasione del raduno della Lega di Venezia nel 2008 di aver usato parole troppo forti contro gli immigrati e contro la possibilità di aprire moschee in Italia. Il pm Vittorio Borraccetti aveva chiesto 6 mila euro di multa pari a 1 anno e 5 mesi di reclusione.

 

Gentilini doveva rispondere dell'accusa di istigazione al razzismo. Il legale del vicesindaco, l'avvocato Luca Ravagnan, ha già annunciato ricorso in appello sostenendo che "non c'era alcuna maliziosità contro le razze ma il sostegno ad idee ben note nel mio assistito finalizzate all'integrazione tra etnie diverse".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -