Katia Ricciarelli e Marco Columbro nella ricca stagione del teatro Dragoni

Katia Ricciarelli e Marco Columbro nella ricca stagione del teatro Dragoni

Katia Ricciarelli

MELDOLA - Stagione dopo stagione, il piccolo Teatro Dragoni di Meldola continua a raccogliere entusiastici consensi, rilevati da un sempre crescente numero di abbonati che affollano quel gioiello architettonico, unico Teatro storico del comprensorio forlivese. Ricchissima di eventi la nuova Stagione Teatrale 2008/2009, che vedrà salire sul palco artisti del calibro di Marco Columbro, Gianfranco D'Angelo e Katia Ricciarelli, protagonista di "Gloriosa!"

 

La Stagione, pur prediligendo la commedia brillante contemporanea, è caratterizzata da percorsi artistici trasversali, pensati per soddisfare i tanti e diversi gusti della comunità meldolese.

 

Assi nella manica di questa nuova Stagione, nomi di grosso calibro dei palcoscenici italiani e un'importante "anteprima nazionale"...

 

Sarà appunto un debutto nazionale ad inaugurare la rassegna di Prosa del Teatro Dragoni: Un giardino di aranci fatto in casa di Neil Simon, interpretato da Gianfranco D'Angelo e Ivana Monti. Seguirà un'altra affiatatissima coppia di interpreti, Marco Columbro e Mariangela D'Abbraccio, protagonisti di Romantic comedy di Bernard Slade. Emilia-Romagna Teatro Fondazione presenterà poi l'allestimento vincitore del Premio UBU di Così è (se vi pare) di Luigi Pirandello. Sydne Rome sarà poi protagonista di Lo scopone scientifico, riduzione teatrale del cult movie di Luigi Comencini, prima di lasciare il palco alla "squadra" formata da Erica Blanc, Gianfelice Imparato, Valerio Santoro e Loredana Giordano che interpreterà Niente sesso, siamo inglesi di Anthony Marriot e Alistair Foot. Seguirà uno degli eventi teatrali dell'anno: Gloriosa! con la grande Katia Ricciarelli che ritorna al palcoscenico dopo alcune felici parentesi cinematografiche Chiude il cartellone Ennio Marchetto con A qualcuno piace carta in cui si esibirà in tutte le sue mirabolanti, incredibili, velocissme trasformazioni!

 

La stagione 2008/2009 sarà poi completata, come da tradizione, da una ricca programmazione di Teatro Ragazzi, attività prioritaria di Accademia Perduta/Romagna Teatri, con spettacoli mattutini per le scuole del comune, e dalla rassegna di Teatro Dialettale, sempre molto fruita dai tanti estimatori del genere.

 

PROSA (7 spettacoli in abbonamento)

 

Come annunciato, la Stagione in abbonamento sarà inaugurata dal "debutto nazionale" di Un giardino di aranci fatto in casa di Neil Simon, interpretato, nei ruoli principali, da Gianfranco D'Angelo e Ivana Monti. Michael Hut è un famoso sceneggiatore di Hollywood in crisi. Divorziato da 18 anni. Ha una compagna, Hilary (con la quale divide saltuariamente la sua casa) che tenta, con amore ma inutilmente, di spronarlo per farlo ritornare alla brillantezza di un tempo. Neanche Ted, il suo migliore amico, riesce a smuoverlo dalla pigrizia creativa nella quale Michael si crogiola. Pur di non far niente... è disposto a tutto. All'improvviso arriva nella sua vita Jenny, sua figlia, che non vedeva da 18 anni... (domenica 23 novembre alle ore 21).

 

L'appuntamento successivo sarà con Marco Columbro e Mariangela D'Abbraccio, protagonisti di Romantic comedy di Bernard Slade, con la regia di Alessandro Benvenuti. Commedia vivace, ironica e brillante, Romantic comedy mette in scena l'altalenante e divertente rapporto tra Jason, scrittore in crisi creativa, e Phoebe, giovane aspirante scrittrice ricca di talento e spirito. I due si incontrano, si scontrano, lavorano insieme, fanno amicizia, si amano e litigano in un susseguirsi di risate, ma anche di verità e con una punta di amarezza. Slade delinea con finezza e humour la vita di chi scrive per mestiere, sempre in balia del giudizio del pubblico e della critica e ci mostra cosa c'è dietro l'ispirazione creativa degli scrittori. Uno spettacolo sull'amore, sull'amicizia, sulla complessità del rapporto tra uomo e donna in cui tutti possono riconoscersi e, proprio per questo, divertirsi (sabato 6 dicembre alle ore 21).

 

Vincitore del Premio UBU, Emilia-Romagna Teatro Fondazione presenterà la propria rilettura di Così è (se vi pare) di Luigi Pirandello, per la regia di Massimo Castri. La commedia è tratta dalla novella La Signora Frola e il Signor Ponza, suo genero e già nel suo titolo sfodera un sapore ironico, racchiude quella problematica esistenziale, sviscerata successivamente in Uno, nessuno, centomila, dell'impossibilità di avere una visione unica e certa della realtà. Esito della scuola di Alta Formazione, organizzata da ERT Fondazione, lo spettacolo ruota attorno agli interrogativi posti dalla comunità, ansiosa di etichettare e ridurre a un ruolo ben definito la Signora Frola, circa il suo strano comportamento in famiglia (giovedì 11 dicembre alle ore 21).

 

La commedia successiva sarà Lo scopone scientifico, tratto dall'omonimo, celeberrimo film di Luigi Comencini. Ne saranno interpreti Sydne Rome, Nicola Pistoia e Gabriella Silvestri. Ancora una volta Peppino, lo stracciarolo, e Antonia, sua moglie, attendono con ansia il ritorno di una vecchia miliardaria americana nella sua lussuosa villa che sovrasta le baracche dove una varia e povera umanità sopravvive giorno per giorno. La vecchia americana gira il mondo con il suo segretario ed ex amante George, con cui ha fatto coppia ai bei tempi andati e che ora utilizza come partner per giocare alle carte nelle varie località del mondo che visita per curare i suoi affari. A Roma essa invita ogni anno Peppino e Antonia per giocare allo Scopone Scientifico. I due poveri malcapitati si sono allenati tutto l'anno... Sarà finalmente il momento della grande rivincita? (Giovedì 22 gennaio alle ore 21).

 

Seguirà Niente sesso, siamo inglesi, brillante pièce firmata da Anthony Marriot e Alistair Foot ed interpretata da Erica Blanc, Gianfelice Imparato, Valerio Santoro e Loredana Giordano. Portato in scena ininterrottamente nel West End dal 1971 al 1987 con il record di 6761 rappresentazioni consecutive, Niente sesso, siamo inglesi è tra i più duraturi successi nella storia del moderno teatro inglese. Una commedia spumeggiante e scanzonata, che intende scardinare la facciata di perbenismo e apparenze che caratterizzava la società britannica del tempo. Uno stimato direttore di banca riceve un pacco pieno di fotografie pornogarfiche. Il caso innesca un'esilerante serie di fraintendimenti, equivoci ed errori che coinvolge, a partire dalla famiglia del protagonista, l'intera piccola comunità urbana (martedì 17 febbraio alle ore 21).

 

Sarà poi la volta di Gloriosa!, la pièce di Peter Quilter che vede il ritorno in palcoscenico, dopo alcune premiate performances cinematografiche, di Katia Ricciarelli. Si tratta della vera storia di Florence Foster Jenkins, la peggiore cantante del mondo! Il testo racconta l'ultimo periodo della vita della signora Jenkins che, tra battute di spirito e affettuose stravaganze, ed in compagnia di un piccolo, buffo e particolare gruppo di compagni, termina nell'apoteosi di un grande concerto alla Carnegie Hall, nella quale la signora corona il suo sogno di esibirsi in un concerto ufficiale, in una vera ed autorevole sala da concerto.

 

Le fanno compagnia un simpatico ed ironico attore, un'amica eccentrica in compagnia di un adorabile cagnolino, un pianista giovane e riservato che si fa conquistare dalla signora, una cameriera messicana rumorosa e una spettatrice noiosa... (martedì 24 febbraio alle ore 21).

 

L'ultimo appuntamento della rassegna sarà con Ennio Marchetto e il divertentissimo spettacolo A qualcuno piace carta. Ennio Marchetto è un artista unico. In quasi 15 anni di carriera è stato alla ribalta dei palcoscenici più prestigiosi del mondo. Il suo spettacolo non ha confini; piace ovunque e ad un pubblico assolutamente eterogeneo dai 7 ai 70 anni. Non è facile spiegare esattamente cosa succede durante un suo spettacolo. Ci sono dei costumi di carta che raffigurano grandi cantanti e grandi personaggi italiani e stranieri; dietro c'è lui, straordinario performer, a dar vita a questi costumi ripetendo movenze e tic di questi personaggi e rendendo tutto esilarante. Ma non è solo questo. Come i più grandi trasformisti, la forza dello spettacolo sta nella straordinaria velocità con cui Ennio Marchetto muove i costumi, li apre, aggiunge particolari disegnati, e parrucche di carta: Withney Huston, Tina Turner, Pavarotti, Mina, Liza Minelli, Marilyn Monroe, Lucio Dalla, Vasco Rossi, Madonna...Sono solo alcuni dei 150 costumi a cui dà vita Marchetto in uno spettacolo che è una vera Babilonia di musica, teatro e creatività (lunedì 16 marzo alle ore 21).

 

 

TEATRO RAGAZZI/SCUOLA

 

Le rappresentazioni mattutine per le scuole del comune partiranno con Cinderella vampirella della compagnia Teatro Pirata. Dracula ha i suoi problemi familiari! Sua figlia Cinderella non ne vuol proprio sapere di tenebre, pipistrelli, castelli, cripte e di imparare a bere sangue, ma sogna una vita da casalinga in una bella casa moderna arredata di tutto punto! A peggiorare la situazione, c'è sua moglie: la dispotica Matrigna cattiva invidiosa di Cinderella, che vorrebbe liberarsi di lei... (8 e 9 gennaio alle ore 9,30). La Baracca di Bologna presenterà poi Fuori gioco.

 

Lo spettacolo è frutto dell'incontro tra l'Associazione "SOS - il telefono Azzurro ONLUS", da tempo impegnato in una campagna di lotta al bullismo, e La Baracca Testoni Ragazzi, che ha fra i propri filoni di ricerca quello che indaga l'inquietudine, la fragilità e l'irruenza di quel delicato periodo di passaggio che è l'adolescenza. Uno spettacolo per stimolare riflessioni e per prestare attenzione al fenomeno. Protagonisti, tre adolescenti. Tre diverse personalità che entrano in relazione attraverso una rigida e pericolosa dinamica (14 gennaio alle ore 9,30).

 

Seguirà Alice attraverso lo specchio di Drammatico Vegetale/Ravenna Teatro. Alice è sola in casa; la sua gattina gioca coi gomitoli di lana, lei invece non sa che fare. C'è una scacchiera, lì vicino, ma quello è un gioco per grandi e Alice non conosce bene le regole. Alice si avvicina. È in quel momento che Alice nota lo specchio di fronte alla scacchiera; sposta un pezzo e nello specchio un altro pezzo si muove! Alice sposta la mano, e nello specchio un'altra Alice muove la mano! Alice sa benissimo che l'altra Alice è solo un'immagine allo specchio, non è mica una bambina piccola lei! In ogni caso, sarebbe bello passare dall'altra parte dello specchio. Ne tocca la superficie...toctoc...e... (28 gennaio alle ore 9,30).

 

La compagnia Città del Teatro proporrà poi Nostra pelle, uno spettacolo che vuole essere un contributo per informare e sensibilizzare bambini e adolescenti sul fenomeno del lavoro minorile (12 febbraio alle ore 9,30). Seguiranno le avventure dell'elefantino Babar del Teatro Gioco Vita. Lo spettacolo s'ispira liberamente a come mamma e papà de Brunhoff crearono per i loro figli un libro illustrato con la storia dell'elefantino Babar. In scena Jean e Cécile, due artisti eclettici, danno vita al racconto, inizialmente con il disegno e la pittura, poi utilizzando tutto quello che trovano nel loro studio, creando uno spettacolo di teatro d'ombre (19 e 20 febbraio alle ore 9,30). Accademia Perduta/Romagna Teatri presenterà poi una nuova versione de Il pifferaio magico, scritto e diretto da Claudio Casadio ed interpretato da Maurizio Casali e Mariolina Coppola. C'è un patto segreto tra il Signore dei topi e il Re della città di Hamelin. I topi sono ingordi di cibo e il Re di monete d'oro. Per questo è avvenuta la grande e terribile invasione...I topi son dappertutto. La città cade in rovina... la peste dilaga.... La figlia del Re, ignara di tutto, supplica il padre di trovare una soluzione. Solo il suono del flauto fatato può riportare la speranza su Hamelin. Ma il magico Pifferaio, per catturare l'enorme Capo dei topi, ha bisogno dell'aiuto dei bambini... (26 marzo alle ore 9,30).

 

Ultimo spettacolo in cartellone, Il lupo e i sette capretti di Tanti Cosi Progetti. Questa fiaba è il punto di partenza di un lavoro che ha portato TCP ad una messa in scena con figure nella quale, parallelamente alla ricerca sul linguaggio della favola, approfondisce il lavoro sulle tecniche di animazione che da sempre caratterizzano le sue produzioni. Inoltre Il lupo e i sette capretti succede alle precedenti produzioni I tre porcellini e Cappuccetto Rosso creando un percorso sulla figura del lupo e di tutto quello che essa rappresenta nell'immaginario semplice e istintivo dell'infanzia e più complesso ed elaborato dell'età adulta (22 e 23 aprile alle ore 9,30).

 

TEATRO DIALETTALE

 

Saranno sei gli appuntamenti con il teatro in lingua vernacolare ed andranno in scena nei mesi di gennaio e febbraio 2009. La prima compagnia a salire sul palcoscenico del Dragoni sarà il Gruppo Dialettale La Broza di Cesena con Al trè verità (17 gennaio alle ore 21). Seguiranno: il Gruppo dialettale De Bosch di Gambettola con le farse In attesa di giudizio e Maza, maza, jè tot at cla raza (24 gennaio alle ore 21); il Gruppo dialettale CDT La Rumagnola di Bagnacavallo con Sota a chi toca (31 gennaio alle ore 21); la compagnia E Zoc ad Vilanova con La cantena dal per coti (7 febbraio alle ore 21); la Quasi Stabile di Bubano con Azidenti a la sfurtona (14 febbraio alle ore 21) e la Cumpagnì dla Zercia di Forlì con ...e sera che canzèl! (21 febbraio alle ore 21).

 

 

 

Per informazioni: 0543/490089 oppure 0543/64300

teatrodragoni@accademiaperduta.it

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

www.accademiaperduta.it

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -