L'occupazione giovanile continua a scendere

Resta un problema l'occupazione giovanile. “Il tasso di disoccupazione dei giovani tra 18 e 29 anni è sceso dal 20,5% del primo trimestre 2011 al 18,6% del terzo trimestre

Resta un problema l'occupazione giovanile. “Il tasso di disoccupazione dei giovani tra 18 e 29 anni è sceso dal 20,5% del primo trimestre 2011 al 18,6% del terzo trimestre, rimanendo almeno 11 punti percentuali al di sopra di quello complessivo - ha affermato il presidente dell'Istat, Enrico Giovannini, durante un'audizione alla Camera -. Se si considera la fascia di età 15-24 anni,  la disoccupazione sale al 31%, la più alta dopo la Spagna”.

Grave anche l'occupazione femminile. In italia lavora meno di una donna su due e solo il 30% al Sud, nonostante dal 1995 al 2008 si sia assistito ad una crescitaquasi ininterrotta dell'occupazione femminile. "La distanza dell'Italia dai principali Paesi europei nei tassi di occupazione, nonostante i progressi compiuti  resta estremamente elevata: circa 16 punti in meno rispetto a Francia e Spagna”, ha aggiunto Giovannini.  

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -