L'obesità parte dal Dna: scoperta la proteina Mc4r

L'obesità parte dal Dna: scoperta la proteina Mc4r

 

L'obesità si trova nel Dna. Lo ha scoperto uno studio internazionale, su più di 90mila soggetti, pubblicato da Nature Genetics, secondo cui il gene Fto, principale responsabile dell'obesità, ha almeno un complice nel Dna, che si chiama Mc4r. Le varianti maligne del gene e della proteina, messe insieme, sarebbero responsabili, in media, di 3,8 chili di aumento di peso.

La ricerca si è allargata a diversi paesi, coinvolgendo ben 77 istituti di ricerca (per l'Italia ha partecipato l'Istituto di neurogenetica e neurofarmacologia del Cnr di Cagliari). La scoperta sembra fondamentale per l'intervento a livello biologico sul problema dell'obesità.

Lo studio ha anche dimostrato che le varianti cattive sono un terzo più comuni in chi ha antenati asiatici che europei, anche se, solo negli inglesi, è presente in circa il 50% della popolazione. L'Mc4r da solo si è mostrato responsabile di almeno due centimetri di espansione nel giro-vita, due chili di aumento di peso e soprattutto dell'aumento della resistenza all'insulina, che porta al diabete di tipo 2.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -