La beffa dopo il danno: prezzi aumentati fino al 20%

La beffa dopo il danno: prezzi aumentati fino al 20%

Oltre al danno la beffa. E’ proprio il caso di dirlo. Dopo i blocchi e disagi dei primi tre giorni della settimana dovuti allo sciopero del settore dell’autotrasporto, arriva l’impennata dei prezzi a pesare sulle spalle dei consumatori, che dovranno fare i conti su prezzi più salati per frutta, verdura e prodotti alimentari in genere. Nei mercati cittadini si registrano aumenti fino al 20%, con “l’aggravante” del Natale che già da sé porta in dono prezzi più alti.


L’allarme prezzi di Coldiretti. ''A Campo dei Fiori a Roma le ciliegie hanno raggiunto valori record di 15 euro al chilo ed i fagiolini 12 euro mentre il prezzo del pomodoro ciliegino e' di 4 euro, zucchine a 5 euro, mele fuji a 2,4 euro e clementine a 2,5 euro con l'insalata che e' andata esaurita nel corso della giornata''. E' quanto denuncia la Coldiretti nel sottolineare che ''sono stati rilevati aumenti fino al 100 per cento rispetto a giorni scorsi in molte citta' a dimostrazione che la carenza delle forniture provocata dallo sciopero dei Tir rischia di favorire accaparramenti e speculazioni con rincari anomali dei prezzi che potrebbero avere effetti negativi sull'inflazione che ha gia' visto salire la frutta del 4,7 per cento a novembre rispetto all'anno precedente secondo l'Istat''.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -