La Brigata aeromobile Friuli rientra dalla missione in Libano

La Brigata aeromobile Friuli rientra dalla missione in Libano

La Brigata aeromobile Friuli rientra dalla missione in Libano

BOLOGNA - Ha avuto luogo questa mattina presso la caserma Mameli di Bologna, alla presenza del Capo di Stato Maggiore dell'Esercito Generale di corpo d'armata Giuseppe Valotto, di autorità civili e militari e dei reparti schierati, la cerimonia di saluto per il rientro della Brigata aeromobile Friuli dalla missione in Libano.

 

La Brigata Friuli ha avuto la responsabilità del settore ovest di UNIFIL ( United Nations Interim Force in Lebanon ) nell' ambito dell' operazione Leonte 7 nella zona Sud del Libano, in accordo alla risoluzione 1701 del 2006 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, espletando numerosi compiti tra i quali, come ha asserito il Comandante della Brigata Generale Luigi Francavilla nella sua allocuzione, " oltre centomila ore di pattugliamento, la ricostruzione e lo sviluppo di paesi martoriati,... 59 progetti di ricostruzione di cui 46 portati a termine e i rimanenti avviati...la bonifica di 1200 metri di campo minato".

 

Il Generale Valotto a sua volta ha elogiato la Brigata Friuli che " ha portato a termine in modo davvero brillante il proprio compito in Libano" compiendo una "missione che ha arricchito sia sul piano professionale che personale" e ha voluto evidenziare poi la stima che i militari italiani godono in campo internazionale proprio grazie alla professionalità con la quale svolgono il proprio compito.

Ha poi evidenziato l' importanza che il fattore sicurezza riveste in queste missioni assicurando il massimo impegno dell' esercito per garantire elevato addestramento e mezzi adeguati ai quali la sicurezza è prevalentemente dovuta.

Il Generale ha poi rivelato che è già prossimo l' utilizzo di nuovi mezzi ad altissima tecnologia con elevate protezioni, prodotti da un pool di industrie italiane, che verranno dati in dotazione ai reparti in missione e soggetti ad un miglioramento continuo anche sul teatro operativo.

 

Durante la cerimonia sono state conferite alcune importanti onorificenze.

La Medaglia d'Oro al Valore dell'Esercito è stata appuntata alla Bandiera di Guerra del 66° reggimento di fanteria aeromobile Trieste per le operazioni in Afghanistan ad Herat da Aprile ad Ottobre 2008 nell' ambito ISAF.

 

La Croce di Bronzo al Merito dell'Esercito è stata conferita allo stendardo del Reggimento Savoia Cavalleria per l' operazione Leonte 3 in Libano.

 

Infine il Generale Valotto ha consegnato personalmente la Croce di Bronzo al Merito dell'Esercito al padre del Maggiore Giuseppe Perna, ufficiale del 66° tragicamente scomparso a seguito di un incidente stradale nel gennaio 2006, al rientro della missione Antica Babilonia in Iraq.

 

Lucio Orioli

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -