La fortezza di San Leo "espugnata" dal cinema

La fortezza di San Leo "espugnata" dal cinema

La fortezza di San Leo "espugnata" dal cinema

SAN LEO - Dopo il famoso film "Cagliostro" girato nel 1975 da Daniele Pettinari ed interpretato da Bekim Femhju, lo spot della Nokia e del formaggio francese Bresso , San Leo torna per cinque giorni a fare da cornice e sfondo per un nuovo film. Lunedì è stato battuto a San Leo il primo ciak del film "TEMPESTA", un corto la cui sceneggiatura è stata affidata alla scrittrice Alessandra Bosio La Greca, mentre la regia è di Gianni Minelli e la fotografia di Piero Barazzoni.

 

Il sindaco Mauro Guerra e l'Assessore al Turismo e Cultura Carla Bonvicini, oltre a fornire tutto l'apporto logistico grazie alla propria struttura organizzativa, la società San Leo 2000, hanno acconsentito alla richiesta per le riprese ed hanno gentilmente messo a disposizione la famosa Rocca, dove lunedì verrà girato il primo ciak.

 

Questa in breve la trama: durante una festa in maschera organizzata da una famiglia nobile molto in vista riescono ad infiltrarsi, tra gli invitati, i componenti di una banda della criminalità organizzata locale con l'intento di rapire la giovane figlia dei padroni di casa al fine di estorcere denaro.

 

La ragazza si trova, strappata con violenza alla sua vita, in un mondo nuovo: sorvegliata a vista dai membri del gruppo, in  una cella umida, non si da pace. Sorprendente sarà l'incontro, la conoscenza e l'innamoramento tra l'ostaggio e il singolare "capo", un giovane inquieto e apparentemente ribelle, adombrato però dalla personalità eccentrica di sua madre, anche lei componente attiva del gruppo.

 

I giorni di prigionia rappresentano per la giovane rapita momenti di sospensione in cui la realtà delle imposizioni familiari piano piano sfuma, perdendosi dentro una nuova personalità: la vicinanza con il clan delinea in lei una personalità da sempre assopita, in potenza, repressa.

Sono giorni di rivoluzione, impetuosi, in cui la ragazza comincia a collaborare con la banda in varie rapine scalzando un po' alla volta la figura del "capo", incapace di tenerle testa, e stringendo un rapporto di particolare affinità con la madre del ragazzo.

 

Due donne risolute, in sintonia e contrasto in un contesto in cui le identità si perdono per definire ruoli nuovi. I suggestivi scorci della fantastica cittadina saranno luogo di set per gli esterni,  mentre altre scene verranno girate all'Agriturismo Poggio Duca ad Agenzia di San Leo. Fra i protagonisti emergono i nomi di Lucia Mangano e Marco Ciotti. Alla selezione per i ruoli di comparse, effettuata il 30 di settembre sempre a San Leo, hanno partecipato numerosi cittadini di San Leo e del territorio circostante e, per l'occasione, state scelte decine di comparse.

 

Il film, sponsorizzato dalla PENTA MOBILI di Pesaro e dalla PANAMA  MAJESTIC di Rimini, parteciperà a varie rassegne cinematografiche su tutto il territorio nazionale e non per ultimo alla rassegna PRIMI PASSI di Pennabilli, voluta dal maestro Tonino Guerra.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -