La furia di Sgarbi si abbatte su Forlì: "Pensilina orribile, e demolite la Barcaccia!"

La furia di Sgarbi si abbatte su Forlì: "Pensilina orribile, e demolite la Barcaccia!"

La furia di Sgarbi si abbatte su Forlì: "Pensilina orribile, e demolite la Barcaccia!"

MELDOLA - "C'è ancora a Forlì quell'orribile pensilina per autobus in piazza Saffi? Ancora non lo hanno demolito il parcheggio di piazza Montefeltro? Cosa aspettano?". A porre le domande ad Antonio Nervegna , candidato alle regionali del 28 e 29 marzo nelle fila del PdL , è il critico d'arte più famoso d'Italia, Vittorio Sgarbi, invitato da lui a Meldola a presentare il volume "L'Italia delle meraviglie" e al contempo a tirare la volata all'esponente azzurro del PdL.

 

 "Davvero hanno (riferito alla giunta comunale di sinistra, ndr) sostituito l'albero di Natale con rami secchi e fili di ferro? Incredibile": s'è stupito Sgarbi che anche in Romagna ha lanciato il suo 'manifesto' in difesa della "slow architecture" come principio ispiratore che muove al ripristino ed alla manutenzione dei beni artistici e architettonici in sostituzione alla barbarie della demolizione e delle colate di cemento ad ogni costo".


Giudizio senza appello quello di Vittorio Sgarbi contro le politiche "culturali" delle amministrazioni di sinistra. E stretta di mano a Nervegna - con ideale passaggio delle consegne a suggello di 20 anni di amicizia che prese le mosse proprio fra Meldola e la pieve di Polenta - come sprone a continuare la sua battaglia contro "le brutture architettoniche" e gli ecomostri in vetro e cemento.


"Forlì è una città bellissima, una sorta di Ferrara 'segreta' e dobbiamo farla resistere alle aggressioni di privati e amministratori che si sono accaniti negli ultimi decenni per "distruggerla, aggredirla, sfregiarne l'immagine e torturarla".

 

"L'analisi di Sgarbi, seppure provocatoria, è tutt'altro che faziosa - spiega Nervegna - l'odio viscerale degli amministratori di sinistra per i simboli religiosi e l'iconografia cristiana sfocia non soltanto nell'azzeramento dei simboli dell'arte sacra e del cattolicesimo, a anche nell'esaltazione di ogni inutile e discutibile prova di arte 'povera' anni Sessanta, fra dissacrazione e gusto dell'orrido: non è casuale che io stesso per primo abbia lanciato con giusta causa una forte polemica sugli alberelli di Natale in 'filo spinato' e poi tutti gli altri mi siano venuti dietro. Era necessario aprire un dibattito ( e non accadeva da anni ) sulla congruenza dei beni storico-culturali nella nostra città: Forlì è inserita nelle rete delle città d'arte e non la si può degradare a paesello sovietico : come se ne ha prova invece in altre opere pubbliche 'ristrutturate' a Forlì!".


Nervegna ha condiviso anche l'analisi di Sgarbi fra i due modi di esprimere il senso del bello nella cultura cristiano/occidentale e musulmana che non sono equivalenti.

 

"Abolire il crocifisso, nel nome dell'ateismo o del pacifismo, è soltanto la prima tappa - conclude Nervegna - di un percorso che porterebbe a rinnegare , prima ancora della nostra matrice religiosa, l'intera storia culturale e artistica della nostra civiltà: i prodromi dell'annientamento della nostra
stessa essenza e quindi della nostra vita".


Abbraccio e stretta di mano finale fra Sgarbi e Nervegna , nel nome del Cristo Morto di Mantegna, la straordinaria opera che lo stesso critico e polemista ferrarese, nominato curatore del Padiglione Italia della Biennale d' Arte 2011 dal ministro dei Beni Culturali Sandro Bondi, porterà a Venezia al centro del Padiglione Italia .

 

Commenti (13)

  • Avatar anonimo di d_a_v_i_d_e
    d_a_v_i_d_e

    Quando Sgarbi faceva comodo ed era meno schierato erano sindaci e direttori di musei di sinistra a vantarsene... ora vomita solo perchè è definitivamente schierato col centrodx... Cmq i commentatori qui schierati dimostrano di mostrare + interesse alla polemica elettoralistica che alla difesa comune della bellezza della città.

  • Avatar anonimo di Manù
    Manù

    anch'io come altri trovo veramente "acrobatico" il tentativo di Nervegna di ricondurre pensilina e barcaccia a simboli religiosi, così come condivido il fatto che, pur essendo sicuramente un esperto d'arte, il sig Sgarbi non ha certo la verità in tasca a proposito di ciò che piace o meno. Mi fa ridere il continuo richiamo agli alberi di materiale riciclato allestiti dai nostri bambini nella piazza a Natale, è la strumentalizzazione di un evento tolto dal suo contesto che ormai ha finito il suo percorso e dovrebbe essere lasciato dov'è, portando l'attenzione su altri e ben più importanti problemi. Gli stessi compagni di partito di Nervegna, si sono scordati di andare in consiglio provinciale a votare l'odg sul crocifisso a cui tanto Nervegna dice di tenere, quindi è meglio che si guardi attorno. E' vero che Forlì ha molti edifici storici di pregio, ma non serviva Sgarbi per sottolinearlo, basterebbe che i forlivesi si soffermassero di più sulla loro città e meno sul numero di stranieri che attraversano Piazza Saffi e i suoi dintorni, inoltre la città è piena di iniziative interessanti per conoscerne la storia, anche qui, basterebbe un pò più di attenzione!

  • Avatar anonimo di buonsenso
    buonsenso

    rispondo al signor Dorian: l'esposizione di alberelli bonsai è stata una scelta portata avanti dal comune in coerenza con il programma di Balzani volto al risparmio energetico! La trovo una scelta condivisibilissima e che dimostra l'alto senso civico dei nostri amministratori di centro-sinistra!! speciamente in un periodo di crisi come questo!!

  • Avatar anonimo di davide24
    davide24

    Onestamente non penso che i problemi maggiori del Centro Storico di Forlì siano la Pensilina o la Barcaccia... Questi sono solo dettagli che possono aprire un dibattito sul gusto estetico delle 2 strutture.

  • Avatar anonimo di J. Dorian
    J. Dorian

    Ohi, pur essendo lui, ha ragione sia sulla pensilina, sia sulla barcaccia che sugli alberi (alberi ???) di Natale. Però anche in questo caso, così come per altre cose più serie, la polarizzazione in città segue linee partitiche. Se fossi un organico del PD, mi sentirei di difendere le scelte del partito qualsiasi esse fossero, soprattutto in caso di critiche della parte avversa ... magari aggiungendo "non è una questione di principio ma ...". E' comprensibile, anche in democrazia: ma pernicioso.

  • Avatar anonimo di Luigi Filippo
    Luigi Filippo

    bravo vittorio diglielo a quei contadinelli forlvesi incapaci di distinguere una tela da un'acquaforte....

  • Avatar anonimo di ReArtù
    ReArtù

    Sono convinto che nei momenti di lucidità, Sgarbi sia un esperto conoscitore d'arte ma, anche lui, non può decretare cosa è bello e cosa è brutto. Noi stiamo godendo di alcune meraviglie che probabilmente all'epoca erano considerate obrobri. Non sarà il caso della Barcaccia o della pensilina ma non si può prendere per oro colato il giudizio di una persona. Il tempo sceglie sempre cosa deve rimanere ai posteri.

  • Avatar anonimo di Maria Chiara
    Maria Chiara

    Non sono una fan di Sgarbi, ma sulla pensilina, il parcheggio Guido da Montefeltro e i desolanti alberelli di Natale ha ragione. Per curiosita' sono andata a Meldola a sentirlo e devo ammettere che quando parla di storia dell'arte è indubbiamente bravo. Il teatro era strapieno e anche Nervegna ha avuto un acco di applausi, certamente la platea non era di sx.

  • Avatar anonimo di pm
    pm

    Con un acrobatico triplo salto mortale Nervegna accosta pensilina e barcaccia ad un fantomatico "odio viscerale degli amministratori di sinistra per i simboli religiosi". Con oppositori come questo la sinistra può dormire sonni tranquilli.

  • Avatar anonimo di buonsenso
    buonsenso

    un'altra trovata elettoralistica voluta da qualche candidato consigliere in regione del centro-destra per sostenere o confermare lo "scranno" in viale Aldo Moro! si vede proprio che non hanno nessun argomento valido!!

  • Avatar anonimo di Sam
    Sam

    e lui quand'è che si toglie dai cog#§% ???

  • Avatar anonimo di pirpa
    pirpa

    Ottimo ci mancava solo il pluricondannato Vittorio Sgarbi tra i sostenitori dell'uomo "di Sivio"....adesso siamo proprio al completo!!! Ancora complimenti a Nervegna per le personalità di cui si circinda! https://it.wikipedia.org/wiki/Vittorio_Sgarbi

  • Avatar anonimo di Enrico
    Enrico

    behh che dire... non ha certo tutti i torti... pensilina e barcaccia sono davvero due cose orribili... e se davvero rispecchiano il gusto e le menti dei nostri amministratori auguri!!! per i nuovi progetti!!!! hahahahaha

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -