La nube di cenere è nel Nord Italia, caos negli aeroporti

La nube di cenere è nel Nord Italia, caos negli aeroporti

La nube di cenere è nel Nord Italia, caos negli aeroporti

ROMA - La nube di cenere provocata dall'eruzione del vulcano islandese ha raggiunto il nord Italia. L'Enac ha deciso per la chiusura del traffico aereo fino alle 8 di lunedì: gli aeroporti italiani interdetti su decisione delle autorità aeronautiche, al fine di garantire la massima sicurezza dei voli, sono quelli di Torino, Milano Malpensa, Milano Linate, Bergamo, Venezia e Bologna. I voli militari, di emergenza e umanitari sono gli unici consentiti sui cieli italiani.

 

Prese d'assalto le biglietterie delle stazioni ferroviarie: lunghe code a Termini e alla Stazione Centrale di Milano. Stessa fotografia anche a Bologna. In relazione a questa situazione eccezionale le Ferrovie dello Stato hanno potenziato l'offerta tra il Nord e il resto del Paese. Problemi anche agli aeroporti del centro sud-Italia, dove sono stati cancellati diversi voli. Alitalia ha invitato i propri passeggeri, con destinazioni da e per il Nord Europa e il Nord Italia, a controllare lo stato del proprio volo prima di recarsi in aeroporto, collegandosi al sito Internet www.alitalia.it o chiamando il numero verde 800.650055.

 

In Europa chiuso lo spazio aereo di Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Olanda, Estonia, Finlandia, Ungheria, Lettonia, Slovacchia così come in Gran Bretagna. Continuano le restrizioni ai voli in Svizzera, mentre la Germania ha chiuso tutti i 16 aeroporti internazionali Altrettanto avviene per gli aeroporti del nord della Francia, compresi i due scali parigini. Parziali chiusure dello spazio aereo sono in vigore in Lituania, Norvegia, Polonia, Irlanda e Svezia.

 

Voli sono in corso nel Sud europeo, in particolare in Spagna, Balcani meridionali, Bulgaria, Grecia e Turchia. Contro i 22 mila che percorrono l'Europa quotidianamente a regime normale, i voli previsti saranno solo 6 mila. Gli effetti della nube di cenere dall'Islanda, spiegano gli esperti, persisteranno ancora almeno per le prossime 24 ore, impedendo ancora decolli e atterraggi nella maggior parte degli scali del Nord.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -