La Regione a fianco di imprese, associazioni di categoria e Consorzi del riciclo

Così Paola Gazzolo, assessore regionale all’Ambiente, interviene sull’appello rivolto nei giorni scorsi a Governo e Parlamento da parte di 56 associazioni del mondo imprenditoriale e fatto proprio giovedì anche da Confcooperative Emilia-Romagna

“La Regione è a fianco delle imprese emiliano-romagnole, delle associazioni di categoria e dei Consorzi del riciclo che negli ultimi mesi hanno più volte lanciato appelli e allarmi: servono subito regole nazionali chiare per permettere agli impianti di trattamento dei rifiuti di trasformarli in nuove risorse, attraverso il recupero, e far crescere vera economia circolare. Si tratta delle norme sull’end of waste, ossia sulla cessazione della qualifica di rifiuto: le chiedono al Governo le imprese emiliano-romagnole, e le ha chieste da tempo anche la Regione”. Così Paola Gazzolo, assessore regionale all’Ambiente, interviene sull’appello rivolto nei giorni scorsi a Governo e Parlamento da parte di 56 associazioni del mondo imprenditoriale e fatto proprio giovedì anche da Confcooperative Emilia-Romagna.

“È da oltre un anno- sottolinea Gazzolo- che sollecitiamo il ministro dell'Ambiente, sia direttamente che attraverso la Conferenza delle Regioni. Non è stato fatto nulla e non si è nemmeno intervenuti per consentire alle Regioni di rilasciare autorizzazioni ‘caso per caso’, nell’attesa di specifiche disposizioni nazionali”.

“L’unico risultato- continua l’assessore-, con lo Sblocca Cantieri, è stato spostare le lancette dell’orologio indietro nel tempo: siamo chiamati ad applicare una norma del 1998 che, proprio perché datata, non contempla tutte le attività di recupero esistenti oggi e quindi esclude una parte importante di rifiuti dalla possibilità di essere recuperati. Questa situazione stoppa ovviamente l’attivazione di percorsi virtuosi di economia circolare e la creazione di nuove filiere, rende più difficile raggiungere gli obiettivi della legge regionale 16/2015 e colpisce in modo grave le aziende che sono in fase di rinnovo delle autorizzazioni. Il risultato diretto è la perdita di fatturato, con il potenziale rischio chiusura o ‘taglio’ di posti di lavoro”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“E’, dunque- conclude Gazzolo- un danno dal punto di vista economico, ma anche una beffa ambientale: salvo nuove disposizioni, ciò che oggi è una risorsa tornerà ad essere rifiuto da smaltire”.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -