La relazione del medico: Sarah Scazzi morta in tre minuti

La relazione del medico: Sarah Scazzi morta in tre minuti

La relazione del medico: Sarah Scazzi morta in tre minuti

AVETRANA - Sono bastati tre minuti per spegnere per sempre il sorriso di Sarah Scazzi. E' quanto emerge dalla relazione preliminare sull'autopsia scritta dal medico legale Luigi Strada, che la Procura ha depositato nell'udienza del Tribunale del Riesame, che deve decidere sulla scarcerazione di Sabrina Misseri, la cugina della vittima in carcere dal 15 ottobre dopo esser stata chiamata in correità dal padre reo confesso Michele, detenuto dal 6 ottobre scorso.

 

Sarah, secondo quanto accertato dal medico legale, è stata strangolata con una cintura unisex di 2,5 centimetri. Ad indicare la nuova arma del delitto era stato venerdì 5 novembre in una confessione spontanea lo stesso Michele Misseri, attribuendo poi alla figlia Sabrina tutte le responsabilità dell'omicidio. Lui si occupò di occultare il cadavere della nipotina in un fondo in contrada Mosca, tra Avetrana e Nardò, non prima di compiere vilipendio sul corpo della giovane.

 

Nella sintesi della relazione, composta da sei pagine e circa dieci fotografie, professore Luigi Strada, ordinario dell'istituto di medicina legale dell'università di Bari, ha descritto il segno sul collo della studentessa di Avetrana, come un "girocollo" di circa 2,3-2,5 centimetri. Gli investigatori hanno sequestrato la cintura che lo stesso Misseri ha indicato come arma del delitto. L'oggetto ha una larghezza di centimetri 3,3. Quindi, pur essendo compatibile con il modo in cui è stata uccisa Sarah, potrebbe però non essere quella utilizzata dall'assassino il 26 agosto scorso.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -