La Romagna a Sanremo con i KhoraKhané

La Romagna a Sanremo con i KhoraKhané

FORLI’ – Dopo gli Equ, saranno i KhoraKhané a difendere i colori romagnoli al Festival di Sanremo, che scatterà domani sera (martedì). Una vigilia di fermento e grande attesa per il gruppo forlivese, molto noto in Romagna per le ottime ‘cover’ di Fabrizio De Andrè, ma anche per i pezzi propri rappresentati in questi anni in molti locali e feste.


L’anno di nascita del gruppo è il 2001, inizialmente con lo scopo di riproporre al pubblico i bellissimi brani che hanno reso immortale uno fra i nostri cantautori italiani più importanti: Fabrizio De Andrè. Negli anni seguenti è poi maturato uno stile ed un sound personale, originale e interessante, che ha potato alla realizzazione di brani inediti, inerenti tematiche sociali e spesso trasversali alle generazioni, portando una nuova immagine al gruppo, riconosciuto oggi sia per i brani editi del cantautore genovese sia per gli inediti proposti al pubblico.


A comporre il gruppo forlivese sono Luca Medri al Pianoforte, tastiere e fisa; Fabrizio Coveri voce; Fanti Pier David alla batteria; Gioele Sindona al violino. KHORAKHANE’: è il nome di una tribù rom, la cui traduzione significa “a forza di essere vento”. Questo nome fu scelto a bandiera del valore racchiuso da questa parola, dalla condivisione di un “viaggiare per la sola ragione del viaggio”, propria delle popolazioni che abitano il mondo e non una singola città. E come simbolo della libertà della parola, del pensiero e soprattutto per il rispetto dei valori e della multietnia, che deve avvenire sempre nel rispetto dell’essere umano.


I “MAGNIFICI QUATTRO”

Fabrizio Coveri: voce
Nato nel 1979, ascolta per la prima volta Fabrizio De Andrè nel 1979... nella pancia della mamma, al mitico concerto tenuto con la PFM a Bologna. Qualcosa passa sicuramente nel Dna, e già dall'età di 8 anni partecipa a diversi concorsi canori in giro per la Romagna. Fondatore insieme a Luca Medri del gruppo Khorakhanè nel luglio 2001.


Luca Medri: piano, fisarmonica e cori
Nato nel ’73, nel 1997 si diploma brillantemente in pianoforte al Conservatorio “G.B. Martini” di Bologna. Vincitore di numerosi concorsi Nazionali nelle categorie musica d’insieme e pianoforte a quattro mani (tra gli altri, secondo posto al concorso Intenazionale di Albenga, primo posto al concorso “Lyceum” di Torino, ecc), studia e si perfeziona negli anni col maestro GIANCARLO PERONI col Maestro CARLO BRUNO (concertista della Scala di Milano). Nel ’98 svolge un’intensa attività concertistica con diverse formazioni musicali per musica da camera, ed accompagnamento lirico; diventa il pianista accompagnatore della Soprano di fama internazionale, WILMA VERNOCCHI e partecipa insieme a lei a numerose rassegne e concerti in Italia. Parallelamente allo studio classico studia Blues, Jazz e composizione musicale con diversi maestri tra cui il Maestro STEFANO NANNI, e fisarmonica con il Maestro SIMONE ZANCHINI.
E’ docente di pianoforte oltre che direttore presso la scuola di musica ad indirizzo moderno “COSASCUOLA” da lui fondata per le sedi di Forlì, Cesena, Meldola, Cusercoli e Civitella di Romagna.
Ha collaborato in qualità di pianista accompagnatore con alcuni importanti cori gospel tra cui VOJAGER GOSPEL CHOIR, INTERCITY GOSPEL TRAIN ORCHESTRA, e con alcune cantanti, che costituiscono l’eccellenza del genere in Italia e nel mondo, tra cui la Sig.ra LA VERNE JACKSON.
E’ stato uno dei fondatori della factory COSABEAT, che oggi è un moderno studio di registrazione e si occupa di produzioni musicali e di progetti artistici. Per diversi anni membro effettivo della commissione comunale di Forlì, denominata “GIOVANI ARTISTI ITALIANI” oltre che coordinatore e promotore di iniziative culturali per l’ARCI N.A.
Infine, ha avuto eccellenti collaboratori musicali nei diversi progetti artistici da lui intrapresi sia come musicista che come arrangiatore/compositore, si ricordano tra gli altri: SIMONA BENCINI, GIUSEPPE ZANCA, LUCA MARIANINI, GIOVANNI BELLI, PAOLO GHETTI, STEFANO CASALI, GRAZIANO BRUFANI, STEFANO PAOLINI, GABRIELE GRAZIANI (Equ), FRANCESCA PERROTTA (Francesca Romana), VANNI
CROCIANI, GIORDANO GIANNARELLI, ecc.


Pier David “Stromberg” Fanti: batteria
Nato da un papà batterista che ha calcato tanti palchi di tutto il mondo, fin da piccolo la passione per la musica e per le percussioni lo accompagnano nella crescita, fino agli studi col M° Stefano Paolini. All’attivo ha diverse collaborazioni con realtà locali che negli anni gli hanno permesso di maturare uno stile personalissimo e sporattutto una particolarità di suono, derivante dal suo gusto e interpretazione musicale unito alle batterie da lui utilizzate, realizzate interamente a mano da lui stesso (linea Drum FPD). Questa sua particolare abilità gli ha permesso, oltre un riconoscimento di validità dalla UFIP, di entrare in contatto con grandi batteristi del panorama nazionale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gioele Sindone: violino
Nato a Cesena il 1984 diplomato in violino al conservatorio “B.Maderna” di Cesena. Attualmente iscritto al corso di perfezionamento di secondo livello a Cesena con la prof. Alina Company. Impegnato nell’attività concertistica e operistica del conservatorio partecipa alle varie opere liriche (cantando inoltre per 6 anni nel coro sul palcoscenico del teatro Bonci), suonando in orchestra diverse opere liriche fra cui:
”Boheme”, ”Rigoletto”, ”Il Tabarro”, ”Suor Angelica”, ”Elisir D’Amore”, ”Madama Butterfly”, ”Traviata”, ”Don Pasquale”, ”Cavalleria Rusticana”, ”Matrimonio Segreto” e “Mozart e Salieri”.
Oltre a varie esperienze orchestrali nell’ambito sinfonico, matura diverse esperienze con la musica da camera,esibendosi in pubblico con le formazioni di duo(violino e pianoforte), trio(violino, violoncello e piano). Da diversi anni è poi impegnato musicalmente nell’ambito della musica etnica e popolare alternando elementi e sonorità della musica etno-popolare e jazz. Ha collaborato, fra le altre cose, nell’inverno del 2003/04 all’incisione dell’ultimo disco dei Bevano Est.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -