La verità di Nadia Macrì: ''Berlusconi mi telefonò: 'Sono il sogno degli italiani'''

La verità di Nadia Macrì: ''Berlusconi mi telefonò: 'Sono il sogno degli italiani'''

La verità di Nadia Macrì: ''Berlusconi mi telefonò: 'Sono il sogno degli italiani'''

MILANO - C'è la verità di Nadia Macrì, l'ex escort di 28 anni che ha partecipato ad alcune feste del premier Silvio Berlusconi ad Arcore e Villa Certosa. La giovane emiliana, rispondendo alle domande di Maria Latella su "Sky Tg24", ha spiegato di aver "incontrato tante ragazze giovani, penso minorenni", nelle serate trascorse ad Arcore e in Sardegna. Subito c'è stata la reazione dell'avvocato del premier, Niccolò Ghedini: "Sono dichiarazioni senza fondamento".

 

Macrì ha affermato di esser andata ad Arcore per 5mila euro. "Con il presidente mi sono confidata, speravo in un aiuto da parte sua - ha ammesso la giovane -. Forse ho sbagliato a presentarmi come una escort. Avrei dovuto chiedere di fare la velina". La ragazza ha anche chiarito come è riuscita a conoscere Berlusconi. "Ero a un semaforo e un giovane mi ha fermato chiedendomi se volevo seguirlo. Mi ha poi portato nello studio di Lele Mora".

 

Qui la 28enne ha raccontato di aver visto "altre ragazze, tutte straniere, russe e brasiliane". Successivamente c'è stato l'incontro con il direttore del Tg4, Emilio Fede. "Ci ha parlato una per una e ha fatto una selezione. Due sono state mandate via", ha spiegato Macrì.

 

La giovane emiliana ha anche riferito alcuni particolari sui festini: "Ad Arcore la prima volta era tutto bello, si mangiava bene, c'erano solo le ragazze, Fede e la segretaria del presidente che ci ha chiesto i numeri di telefono. Era una ragazza giovane, bionda, alta, che lavora per la tv: sembrava lei ad organizzare tutto".

 

Macrì venne selezionata. La seconda volta venne chiamata direttamente da Berlusconi sul suo cellulare. "Sono il sogno degli italiani, sono il presidente", ha detto la ragazza, ricostruendo la telefonata. La 28enne si è quindi recata Villa Certosa. "Oltre alle ragazze, c'erano tanti imprenditori, avvocati, notai". Lei però, ha detto, non ha mai visto né Noemi Letizia né Ruby.

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di ReArtù
    ReArtù

    Non la faremo santa ma neppure Lui patrono. Che squallore!!!!

  • Avatar anonimo di rasellaguido
    rasellaguido

    Povera Giovanna,se non ci fosse lei ad aprirvi gli occhi a riguardo del chi per voi tutti decise l'estinzione del genere umano ... Ma che bel sogno n'è ? E adesso ... fatela pure Patrona di Francia,dopo tutto ...

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -