Lavoro, 427 mila giovani hanno perso il posto nel 2010

Lavoro, 427 mila giovani hanno perso il posto nel 2010

Per i giovani è ancora un'impresa trovare lavoro. Quasi il 20 per cento dei disoccupati nel 2010 lavorava nel 2009, e circa il 60 per cento è disoccupato da più di un anno. Il dato sconfortante emerge da un'indagine condotta Datagiovani. L'inchiesta evidenzia come le regioni del sud sono quelle che hanno reagito meglio alla recessione, offrendo più posti di lavoro rispetto alla media nazionale e con una minore probabilità di perderli nel corso di un anno.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma l'indice di evoluzione globale mostra come le regioni del Centro e parte del Nord, dopo un 2009 pessimo, stiano recuperando parte del terreno perso, mentre il sud non dà segni di ripresa. Quasi 2 giovani disoccupati su 10 lavoravano nel 2009. Si tratta di poco meno di 210mila giovani che hanno perso un posto di lavoro. Ad essi vanno però aggiunti i quasi 218mila ragazzi che sono passati dalla condizione di 'occupato' a quella di 'inattivo'. Sono circa 686 mila gli under 35 che cercano lavoro da oltre un anno.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -