Lavoro, più morti in Italia in 3 anni che in guerra Iraq

Lavoro, più morti in Italia in 3 anni che in guerra Iraq

Roma - Una carneficina che conta ben 1.376 morti l'anno dal 2000 al 2006. Sono i 'caduti' sul lavoro in Italia, persone che perdono la vita in cantieri, fabbriche, campi agricoli e strade della penisola a un'età media di 37 anni. Circa il 70% degli operai muoiono per cadute dall'alto di impalcature nell'edilizia, ribaltamento del trattore in agricoltura ed in incidenti stradali nel trasporto merci per le eccessive ore trascorse alla guida.

A scattare la drammatica fotografia e' un'indagine dell'Eurispes presentata questa mattina in una conferenza stampa alla Camera dei deputati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E il titolo dell'incontro, promosso dal presidente della commissione Attività Produttive Daniele Capezzone, la dice lunga sul tema: 'Infortuni sul lavoro: peggio della guerra'. Perche' l'Eurispes, numeri alla mano, ha fatto il confronto tra i caduti della coalizione in Iraq negli ultimi quattro anni e i morti in Italia dal 2003 all'ottobre 2006.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -