Lega Pro, il Consiglio Federale boccia il Ravenna

Lega Pro, il Consiglio Federale boccia il Ravenna

Lega Pro, il Consiglio Federale boccia il Ravenna

RAVENNA - Il Ravenna Calcio è stato escluso dalla Lega Pro. Il Consiglio Federale, riunitosi lunedì, ha esaminato il ricorso relativo alle carenze rilevate dalla Covisoc e dalla Commissione Criteri Infrastrutturali della Figc, respingendo l'iscrizione dei giallorossi al prossimo campionato. La dirigenza romagnola aveva consegnato entro il 12 luglio, termine ultimo fissato dalla Covisoc, una documentazione non completa, integrandola con 72 ore di ritardo.

 

Il ritardo era dovuto al fatto che il nuovo patron del Ravenna, Sergio Aletti, doveva risolvere alcune pendenze ereditate dalla gestione di Gianni Fabbri. Il Ravenna presenterà subito ricorso al Tnas o all'Alta corte di giustizia del Coni per chiedere l'ammissione alla Prima Divisione. Con i giallorossi non sono state iscritte al prossimo campionato di Lega Pro Prima Divisione Atletico Roma, Gela, Salernitana e Lucchese.

 

Raggiunto telefonicamente da Radio International, l'amministratore delegato del Ravenna Calcio, Luca Della Vedova, ha commentato più nel dettaglio la decisione del Consiglio Federale: "Ci aspettavamo questa esclusione perchè era abbastanza automatica ma abbiamo già predisposto un ricorso al Tnas e siamo sicuri di vederlo accolto".

 

"Il clima ha aggiunto Della Vedova - è pertanto molto sereno perchè la documentazione già presentata nei giorni scorsi dimostra che abbiamo assolutamente ragione e la stessa Agenzia delle Entrate ha confermato che la posizione del Ravenna Calcio è regolare. Ci sarà da soffrire ancora un po', ma per noi giocare il prossimo campionato in Lega Pro è una certezza dal momento che tutti gli adempimenti sono stati soddisfatti".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -