Lele Mora dopo la notte in carcere: ''Disorientato ma tranquillo''

Lele Mora dopo la notte in carcere: ''Disorientato ma tranquillo''

Lele Mora dopo la notte in carcere: ''Disorientato ma tranquillo''

ROMA - Lele Mora dopo la prima notte in carcere di Opera, dove si trova detenuto per bancarotta fraudolenta, si è detto "disorientato", ma "tranquillo". E' quanto hanno affermato gli avvocati dell'agente dei vip, legali Luca Giuliante e Nicola Avanzi, che hanno fatto visita al loro assistito. "Mora non si aspettava di finire in carcere", hanno evidenziato. Martedì pomeriggio hanno anche incontrato i pm di Milano Eugenio Fusco e Massimiliano Carducci.

 

Mora, hanno chiarito i legali, si è detto disposto a far rientrare i soldi che avrebbe trasferito in Svizzera. I pm hanno infatti "acceso" alcune rogatorie per rintracciare i soldi che l'agente dei vip avrebbe portato in Svizzera, distraendoli dal patrimonio della LM Management. Gli avvocati hanno spiegato che non presenteranno per ora alcuna istanza di attenuazione della misura per il loro assistito per questioni di salute e neppure istanze di scarcerazione o di domiciliari.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per il momento si punta a "chiarire i passaggi più importanti delle contestazioni e attraverso le risposte di Mora al giudice attenderemo i riscontri. Solo in una terza fase si potrà ragionare sull' attenuazione della misura", ha concluso gli avvocati.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -