Lista 'grillina' alla Regionali, emergono fratture

Lista 'grillina' alla Regionali, emergono fratture

Lista 'grillina' alla Regionali, emergono fratture

BOLOGNA - Qualche dissidio era gia' emerso a Bologna. Ma ora il dissenso rispetto alla candidatura di Giovanni Favia alle elezioni regionali dilaga a Ravenna. "Ravenna Punto a Capo", meetup di Beppe Grillo nella citta' romagnola, fa sapere che non intende appoggiare la lista del movimento 'a 5 stelle' del comico genovese che appunto candida Favia. I problemi sono nati fin dall'inizio della discussione sulle regionali.

 

Subito e' apparso chiaro che il tavolo per la discussione era "per pochi e scelti. Durante queste riunioni si e' vista la peggior politica della prima repubblica, fatta di intrallazzi, accordi sottobanco, politica nei corridoi, minacce d'espulsione, decisioni prese, votate e poi rimaneggiate. Tutto cio' che per anni avevamo contestato portando la bandiera di Grillo".

 

Il meetup di Ravenna denuncia che la discussione e' andata avanti "senza metodo ne' regole". Poi, "nonostante ci fossero tre candidati alle primarie per il ruolo di presidente, con un comunicato da veggente Grillo annuncia sul suo blog che il candidato e' Giovanni Favia, consigliere comunale a Bologna, che si appresta pertanto a lasciare l'incarico per il quale e' stato votato dai cittadini dopo solo cinque mesi".

 

Le primarie che sono seguite sono state "a numero chiuso, con delegati scelti in maniera poco trasparente e con voto palese per la maggioranza di essi". Pertanto ai ravennati, i grillini locali dicono: "Abbiamo ritirato ogni disponibilita' per appoggiare questa politica senza etica, non saremo noi a raccogliere le firme necessarie a Ravenna", ma "continueremo a costruire quell'alternativa politica in cui credevamo, fatta dai cittadini con la democrazia dal basso".

 

Non si scompone Giovanni Favia, candidato dei grillini alle elezioni regionali, di fronte al fatto che "un'associazione privata non facente parte delle reti legate al blog di Beppe Grillo non raccogliera' le firme" per sostenerlo. Non si scompone perche' non reputa significativo il dissenso che arriva da Ravenna. E, inoltre, dice, "le firme per le regionali, come era gia' previsto le raccoglieranno quelle centinaia di cittadini iscritti al sito del movimento a cinque stelle nazionale".

 

Favia, in una lunga nota, smonta poi i suoi 'accusatori'. "Due esponenti di una piccola associazione ravennate si erano avvicinati al percorso della lista regionale proponendo una loro candidata. Quando pero' hanno notato che non avrebbe potuto vincere le nostre primarie hanno lasciato il movimento. Da qui nasce il loro comunicato personalistico, strumentale ed atto e screditare il movimento (pare che gia' lavorino per un'altra lista) al quale rispondiamo con i verbali delle riunioni e con l'invito ai giornalisti ad uno dei nostri incontri".

 

Insomma, il comunicato del Meetup ravennate "e' pura calunnia" e quindi, "probabilmente, dovendo difendere il lavoro di centinaia di attivisti in regione, dovremmo procedere per vie legali", come riporta l'agenzia Dire. Favia rileva pero' che "attaccarci senza prove ed a titolo personale ormai sta diventando uno sport, evidentemente c'e' una chiara regia dietro a queste calunnie. Il movimento cresce e' da fastidio, inoltre quando si ha una struttura molto aperta come la nostra cercano di entrare anche persone di altri partiti che tentano di riciclarsi".

 

Ed infine: "E' paradossale avere l'organizzazione piu' aperta possibile e leggere le accuse isolate di persone che non fanno parte del movimento ma che attraverso presunte associazioni o a titolo personale collaborano con forze dei partiti tradizionali, nostri avversari alle prossime elezioni".

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di fabrizio bazzocchi
    fabrizio bazzocchi

    Il programma di Grillo è veramente innovativo e direi sopratutto civile, nel senso letterale del termine, ma quando si passa alla realtà della politica i problemi sono sempre gli stessi, grillini e non. Però grazie comunque agli argomenti seri che Grillo sta portando alla valutazione dei cittadini. Il programma è chiaro e trasparente, le altre forze politiche a partire dalla PDL parlano solo di nomi ed alleanze. Buon natale.

  • Avatar anonimo di Brenno
    Brenno

    Ah partono bene...che bluff che è sto Movimento....

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -