Longiano, atteso il ritorno di Manuel Zani: ''In Israele non ci torno neanche morto''

Longiano, atteso il ritorno di Manuel Zani: ''In Israele non ci torno neanche morto''

Il momento dell'attacco dei soldati israeliani

E' arrivato a Fiumicino, giovedì mattina, Manuel Zani, il 30enne di Longiano che si trovava al seguito della ‘Freedom Flotilla' al momento del raid israeliano al largo di Gaza. Il videomaker romagnolo ha confessato di aver avuto paura per  "tutti quei soldati bardati, col volto coperto, ma di essersi "per un po' goduto la scena". "Sembrava di esser nel film 'Apocalypse now'", ha aggiunto Zani. La famiglia lo attende a Longiano, dove per ora non sono previsti festeggiamenti.

 

Il longianese ha così continuato la sua testimonianza: "Quando abbiano capito che ci stavano per aggredire ci siamo separati in due gruppi - ha affermato -. Io sono andato con i giornalisti nella cabina di pilotaggio per cercare di filmare quello che stava succedendo, ma ci hanno sequestrato tutto". Zani ha affermato di aver "perso diecimila euro di attrezzature". "Chissà se le recupererò mai", ha chiosato. Quindi ha concluso affermato che in Israele non ci tornerà "neanche morto. Voglio tornare in Palestina al più presto".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -