Longiano: da Cocif una borsa di studio per ricordare Vincenzo Bellavista

Longiano: da Cocif una borsa di studio per ricordare Vincenzo Bellavista

LONGIANO - COCIF, l'azienda leader italiana nel settore delle porte e finestre, ha istituito una borsa di studio annuale del valore di 10.000 euro intitolata alla memoria di Vincenzo Bellavista, lo storico Direttore Generale della società di Longiano . 

 

La Borsa di Studio è riservata ad un giovane ricercatore che opera all'interno di uno degli Istituiti di Ricerca a carattere scientifico che hanno sede nella provincia di Rimini o in quella di Cesena/Forli per favorire il proseguimento o completamento della sua formazione.

 

L'iniziativa onorera' la memoria di Vincenzo Bellavista, compianto protagonista del successo della COCIF e soprattutto personaggio di assoluto prestigio sociale e civile che con il suo impegno e le sue numerose iniziative e attività, il suo grande contributo e la sua forte testimonianza di uomo attento al suo territorio e alla sua gente è stato un modello esemplare di coscienza, passione, generosita', valori civili e sociali .

 

Per il 2009 COCIF ha deciso di erogare la Borsa di Studio ad un giovane ricercatore, coinvolgendo nella selezione l'Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori (IRST), il polo di eccellenza per la cura dei tumori e la ricerca di Meldola (FC) diretto dal Prof. Dino Amadori, che con il suo network opera in tutto il bacino del territorio romagnolo.

L'IRST  è il punto di riferimento della ricerca clinica di Area Vasta Romagna-AVR, e svolge un ruolo volto anche a favorire l'integrazione delle attività assistenziali delle strutture oncologiche del territorio. 

 

Commentando l'iniziativa, che ha incontrato la massima approvazione della Direzione, del CdA, dei Soci e lavoratori della COCIF, il Presidente Luigi Barberini ha voluto sottolineare che "la borsa di studio alla memoria di Vincenzo vuole premiare la competenza e il merito di un giovane studioso della nostra terra. Sono volti ed esperienze positive dell'impegno che dobbiamo stimolare sapendo riconoscere le eccellenze. Sul nostro esempio spero nascano anche altre iniziative  finalizzate a scoprire i talenti migliori della nostra terra e a sostenerli nelle loro attività di ricerca, così come è accaduto in questa occasione. Tutto questo per dare segno e testimonianza al lungo e prezioso insegnamento che Vincenzo ha lasciato a tutti e a ciascuno di noi".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -