Longiano: grandi chef a teatro

Longiano: grandi chef a teatro

LONGIANO - E' iniziata l'attesissima kermesse di Chef a Teatro; dopo tanto parlare, ecco finalmente alcuni degli chef più prestigiosi di Romagna calcare il palco del Teatro Petrella di Longiano dare vita ad uno spettacolo insolito e coinvolgente. L'emozione di trovarsi davanti a tanta gente è palpabile per tutti i cuochi in attesa di entrare in scena, anche perché la situazione li vede protagonisti ognuno di una piccola pièce teatrale.

 

         Gli odori e i sapori dell'autunno sono stati i protagonisti di questa prima serata di spettacolo, in bilico tra tradizione ed innovazione culinaria, in un equilibrio incredibile ma perfetto. La minestra di castagne e fagioli all'uso dell'Alto Savio realizzata da Giuliana Saragoni (Locanda Al Gambero Rosso) ha convissuto con un ricercatissimo Fabio Drudi (Azzurra) il quale ha proposto un simposio di foie gras d'oca accompagnato da mela granny smith con cuore di foie gras di pescatrice.

         Allo Shakti Restaurant un'ispiratissimo Marco Bistarelli (Chef de Il Postale di Perugia) grande precursore della valorizzazione del territorio e della ricerca qualitativa nella materia prima. Il suo è stato un menù mari e monti che ha stupito i commensali per sapori e consistenze.

 

         Lo spettacolo quindi entra nel vivo e, nella serata di domenica, sapremo chi si aggiudica il titolo della prima edizione di Chef a Teatro. La giuria, capitanata dall'eclettico Andy Luotto, memorizzati i piatti della prima serata, è pronta ad assaggiare le proposte degli otto chef che anche domenica si prodigheranno in elaborate ricette e coup de téâtre. A partire dalle 20.00, sul palco vedremo all'opera Alberto Faccani (Magnolia) con una triglia in ricordo d'estate, Valentino Marcattilii (San Domenico) con un sorprendente uovo in raviolo; una reinterpretazione del galletto romagnolo fatta da Stefano Ciotti (Vicolo S.ta Lucia Carducci 76) ed inoltre Federico Tonetti (Le Maschere) in gara con delle aromatiche costolette di agnello. Marco Cavallucci (La Frasca), Omar Casali (Le Giare) e Raffaele Liuzzi (Locanda Liuzzi) puntano sul pesce, il primo con noci di capesante, il secondo con dei delicati passatelli di seppia, mentre Liuzzi concluderà con un barbecue di pesci con sorpresa. Infine, un salto nella macchia con Paolo Teverini (Paolo Teverini) che racchiude i profumi del bosco...in un uovo.

 

         Gran finale anche allo Shakti Restaurant quando alle 21.00 farà il suo debutto a Chef a Teatro lo Chef Carlo Cracco, 2 stelle Michelin e un ristorante, il Ristorante Cracco a Milano, considerato tra i 50 migliori al mondo. Per Chef a Teatro, Cracco ha studiato un menù di sei portate che racchiudono tutta la magia della sua arte culinaria capace di trasformare un piatto in poesia di sapori e gioco di contrasti. Salsiccia d'uovo e insalata di capriolo come antipasto per introdurre un delicato primo di ravioli al baccalà rinvigorito dalle alici e dal cavolo cinese. Un secondo piatto con animelle di vitello accostate ad una dolce insalata di cachi e noci, per finire con un'interpretazione davvero singolare del nostro amato mascarpone.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -