Longiano: ''disperate'' si rivolgono al prete e lo truffano

Longiano: ''disperate'' si rivolgono al prete e lo truffano

Longiano: ''disperate'' si rivolgono al prete e lo truffano

CESENA - Prete di Longiano raggirato da donne dell'Est Europa, che in lacrime si sono rivolte a lui chiedendo una somma di denaro necessaria per alcuni congiunti in Romania che avevano bisogno di cure vitali. Il sacerdote, colpito dalla vicenda, non ha esitato ad aiutare le ‘bisognose'. Quest'ultime, approfittando della generosità del presule, hanno continuato a chiedere prestiti, garantendo che la somma sarebbe stata restituita con la vendita di un terreno in Romania.

 

Ma così non è stato. La storia è stata raccontata dal "Corriere Romagna" che ha intervistato la vittima, don Franco Guardigli, 68 anni. Il parroco, ricordando che "il Vangelo parla dell'elemosina e del dovere di aiutare i poveri e i disperati", ha ammesso di essersi accorto del raggiro solo in seguito: "Solo dopo mi sono reso conto di aver agito incautamente". Don Franco ha spiegato di aver "contratto un muto personale di 40mila euro con un banca locale", risanando così il deficit della parrocchia.

 

Il presule, evidenziando che sarà lui "a pagare le rate mensili e non la parrocchia", ha tenuto a ringraziare per la solidarietà ricevuta altri parrocchiani, i fedeli di Longiano che gli hanno fatto sentire il loro affetto, ed il consigliere economico don Mario Lucchi, che gli è stato affiancato dalla Curia.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -