Loreto, raptus di gelosia. Uccide la sorella e la madre dell'ex

Loreto, raptus di gelosia. Uccide la sorella e la madre dell'ex

LORETO - E' entrato in un appartamento e non ha esitato a far fuoco, ferendo l'ex fidanzata e uccidendo la madre e la sorella di lei. Dopo essersi dato alla fuga, si è consegnato ai Carabinieri. E' quanto accaduto mercoledì pomeriggio a Grotte, nei pressi di Loreto (Ancona). Secondo una prima ricostruzione, l'omicida, Claudio Alberto Sopranzi, 59 anni, di origine siciliana ma residente a Sirolo, in provincia di Ancona, aveva avuto una relazione tormentata con Vincenza Benilda Mannino, 28 anni, con la quale per un periodo ha anche convissuto.

 

L'ora della follia è scattata intorno alle 15. Alla base del raptus di follia ci sarebbero questioni di gelosia. Si tratterebbe di un'aggressione maturata nell'ambito di una relazione sentimentale finita, che l'uomo avrebbe voluto riprendere. Quando si è presentato nell'abitazione dell'ex, ha sparato anche contro la madre e la sorella di lei, uccidendole. Si tratta di Rita Pulvirenti, 54 anni, e Silvana Mannino, 30 anni.

 

La 28enne è stata ricoverata con l'ausilio dell'elisoccorso presso l'ospedale Le Torrette di Ancona. L'omicida si è dato alla fuga in bicicletta ed subito è scattata la caccia all'uomo. Le ricerche sono andate avanti per poche ore. Poi l'omicida si è consegnato ai carabinieri di Numana, dove lavora come guardiano presso un campeggio. Fino a mercoledì era incensurato ed in possesso di un titolo sportivo per la detenzione di armi.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -