Lugo: festa per i bambini di Chernobyl

Lugo: festa per i bambini di Chernobyl

LUGO - Come di consuetudine da qualche anno, in occasione della maggiore affluenza dei bambini bielorussi, la Provincia organizza un momento d'incontro tra tutti i bambini, ospiti nel mese di luglio, e i rappresentanti degli enti coinvolti nelle iniziative d'accoglienza. Quest'anno l'iniziativa si svolgerà lunedì 29 giugno al Parco "Il Tondo" di Lugo con inizio alle 17,30. Sarà presente l'assessore provinciale alle politiche sociali Emanuela Giangrandi.

 

L'organizzazione dell'iniziativa sarà curata dal Comitato Lughese Bambini da Chernobyl (in collaborazione con il Comune di Lugo). Il ringraziamento del Comitato Lughese va alle 200 famiglie ospitanti e ai volontari dell'associazione, ma anche alle istituzioni, che da sempre si dimostrano vicine all'attività d'accoglienza dei bambini provenienti dai paesi contaminati dal disastro di Chernobyl.

 

Il programma prevede l'esibizione di musici e sbandieratori a cura della Contesa Estense della Città di Lugo, la merenda, diversi spettacoli d'animazione itinerante rivolti ai bambini, e il saluto delle autorità. Gadget saranno distribuiti ai piccoli ospiti come ricordo del pomeriggio.

 

Da anni Comuni e organizzazioni di volontariato ospitano i bambini provenienti dalla Bielorussia, in particolare dalle zone di Moghilev, Minsk, Brest, Pinsk, Gomel, regioni al sud della Bielorussia, ai confini con l'Ucraina. I bambini con un mese di permanenza in ambiente non contaminato hanno la possibilità di ridurre dal 30 al 50% la quantità di Cesio 137 assorbito, aumentando le proprie difese immunitarie e diminuendo l'insorgenza di patologie legate alla radioattività. Per questi bambini, quindi, il soggiorno in Italia, non è solo una piacevole vacanza. L'ospitalità è rivolta a gruppi di bambini d'età compresa tra i 6 e i 14 anni, accompagnati da uno o due adulti del loro Paese d'origine (interprete, insegnante).

 

Sono almeno una decina gli enti che gestiscono l'ospitalità dei bambini: l'Associazione Piccolo Mondo sezione di Ravenna e Cervia e Godo, il Comune di Ravenna in collaborazione con l'A.N.P.A.S., la Confraternita di Misericordia di Castel Bolognese, il Comitato lughese "Bambini da Chernobyl" di Lugo con famiglie anche di Cotignola, l'Associazione volontari Solarolo" Mons.Giuseppe Babini", la Fraternità di Misericordia di Casola Valsenio, il Comitato famiglie pro Chernobyl della Fondazione "Aiutiamoli a vivere" sezione di Alfonsine, l'Associazione "Amici di Neresheim"-Comitato Operazione Chernobyl di Bagnacavallo e Fusignano.

 

Il nome di Chernobyl (Ucraina) divenne famoso in tutto il mondo dopo il 26 aprile del 1986. In seguito a un incidente, esplose il reattore numero 4 della locale centrale nucleare. Più di 100mila persone furono evacuate dalla città. Oggi, a Chernobyl risiedono operai impegnati nella rimozione delle scorie nucleari e circa 700 persone, per lo più anziani, che hanno scelto di tornare alle loro case.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -