Lugo: il magistrato Giuseppe Ayala domani al Caffé Letterario

Lugo: il magistrato Giuseppe Ayala domani al Caffé Letterario

LUGO - Mercoledì 4 giugno, alle ore 21, nell'aula magna del Liceo Classico di Lugo, primo importante incontro del mese per Caffè Letterario. Salirà infatti sul palco della rassegna letteraria il magistrato siciliano Giuseppe Ayala che presenterà il suo ultimo lavoro "Chi ha paura muore ogni giorno. I miei anni con Falcone e Borsellino" edito da Mondadori nel 2008. L'incontro organizzato in collaborazione con l'Università per Adulti di Lugo e l'Associazione Eco, sarà introdotto da Marco Sangiorgi.

 

Sono passati quindici anni dalla terribile estate che, con i due attentati di Punta Raisi e di via d'Amelio, segnò forse il momento più drammatico della lotta contro la mafia in Sicilia. Giovanni Falcone e Paolo Borsellino restano due simboli, non solo dell'antimafia, ma anche di uno Stato italiano che, grazie a loro, seppe ritrovare una serietà e un'onestà senza compromessi. Ma per Giuseppe Ayala, che di entrambi fu grande amico, oltre che collega, i due magistrati siciliani sono anche il ricordo commosso di dieci anni di vita professionale e privata, e un rabbioso e mai sopito rimpianto. Ayala rappresentò in aula la pubblica accusa nel primo maxi-processo, sostenendo le tesi di Falcone e del pool antimafia di fronte ai boss e ai loro avvocati, interrogando i primi pentiti (tra cui Tommaso Buscetta), ottenendo una strepitosa serie di condanne che faranno epoca. E fu vicino ai due magistrati in prima linea quando, dopo questi primi successi, la reazione degli ambienti politico-mediatici vicini a Cosa Nostra, la diffidenza del Csm e l'indifferenza di molti, iniziarono a danneggiarli a isolarli.

 

Per la prima volta, Ayala racconta la sua verità, non solo su Falcone e Borsellino, che in queste pagine ci vengono restituiti alla loro appassionata e ironica umanità, ma anche su quegli anni, sulle vittorie e i fallimenti della lotta alla mafia, sui ritardi e le complicità dello Stato, sulle colpe e i silenzi di una Sicilia che, forse, non è molto cambiata da allora.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giuseppe Ayala, magistrato, è oggi presidente della prima sezione di Corte d'appello del tribunale dell'Aquila. Ha fatto parte per tutti gli anni Ottanta del pool antimafia e ha rappresentato l'accusa nel primo maxi-processo. Entrato in politica, è stato in Parlamento per tre legislature. Ha scritto, col giornalista Felice Cavallaro, La guerra dei giusti: i giudici, la mafia e la politica (1993).

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -