Lugo: la città rende i bambini protagonisti

Lugo: la città rende i bambini protagonisti

LUGO - E'molto vicino, per le scuole e i servizi di Lugo,  l'appuntamento di maggio con gli spazi della città: i bambini e i ragazzi, dai nidi alle scuole dell'obbligo, usciranno dalle aule, guidati dai docenti, per offrire a Lugo il loro saper fare e comunicare.

 

"E'questa ormai una festosa consuetudine- puntualizza l'assessore ai servizi educativi e formativi Clara Caravita- che vede le piazze, le aree verdi, i porticati colorati di alunni mentre si potenzia, allo stesso tempo, la funzione della città, fatta certamente di vie, palazzi, monumenti, soprattutto di incontri, di scambi e contaminazioni di esperienze, di stupori e divertimento che accendono la fantasia , il piacere di ideare e di mettere in comune emozioni e pensieri".

 

"I luoghi vocati agli incontri- precisa il Sindaco di Lugo Raffaele Cortesi- lasciano intravedere chiaramente una Lugo come città che sa accogliere e far comprendere a chiare lettere che i diritti dell'infanzia sono diritti di massima civiltà per i quali vanno esercitate, costantemente, senza mai abbassare la guardia, salvaguardia e vigilanza".

A questi spazi si apre la scuola lughese, capace di porre in campo professionalità e bravura nel realizzare innovazione, svolta col supporto di una rete solidale che vede collaborare gli Istituti pubblici e privati con l'Amministrazione comunale per un obiettivo fondamentale: assicurare agli alunni nuovi livelli di qualità di vita e di sapere, di benessere e fiducia nel proprio successo formativo.

 

Una scuola matura, che promuove educazione, partecipazione, senso del rispetto, dialogo dei saperi con il mondo dei ragazzi mentre si collega a contesti conoscitivi più ampi che danno respiro alle sue proposte. Valga come esempio l'attività della consulta dei ragazzi, composta dai rappresentanti della scuola dell'obbligo: gli eletti hanno posto al centro del lavoro la Costituzione nel suo 60° anniversario, lavoro che nelle fasi conclusive dell'anno scolastico, fa da cornice culturale alle iniziative delle scuole .

 

Muove dall'insieme di queste considerazioni la decisione congiunta dell'Amministrazione comunale e degli Istituti pubblici e privati di proporre, quest'anno, la città delle bambine e dei bambini in forma nuova. Non più una grande presenza in un'unica giornata ma una vera e propria rassegna , dal 14 maggio al 7 giugno, durante la quale le scuole sono protagoniste e la città contenitore attivo; il programma, ricco di eventi e di momenti significativi sul piano della comunicazione delle esperienze, si svolgerà con una scansione che faciliterà l'aggregazione e l'incontro delle famiglie, degli alunni e dei cittadini. La rassegna sarà aperta dalle scuole dell'infanzia statali , paritarie e comunale.

Durante la mattinata del 23 maggio, dalle ore 9.30 alle 11,30, le piazze del centro storico saranno festosamente occupate da 800 bambini di tutte le scuole dell'infanzia del territorio comunale. In 20 punti diversi verranno proposte letture animate, narrate ad alta voce da lettori volontari e professionisti, legati al progetto Nati per leggere della Biblioteca Trisi , sezione ragazzi.

 

Dal 23 al 27 maggio, nelle Pescherie della Rocca, si potrà visitare l'esposizione degli elaborati prodotti nei laboratori di tutte le scuole dell'infanzia.

Il pomeriggio del 24 maggio il parco del Loto ospiterà la festa dei bambini che frequentano i servizi dell'infanzia comunali e privati (nidi e sezioni primavera). La festa, aperta ai cittadini, sarà arricchita dalla presenza di animatori, da attività laboratoriali e da momenti di ristoro.

Dal 23 al 27 maggio le scuole primarie e secondarie (elementari e medie) allestiranno nella galleria della Banca di Romagna la mostra dei progetti e dei percorsi didattici ritenuti dalle scuole stesse maggiormente rappresentativi del lavoro svolto durante l'anno scolastico.

Fino al 7 giugno, le primarie,  le secondarie di I° e di II° grado danno vita ad una rassegna teatrale con rappresentazioni pubbliche al teatro Rossini che ospiterà , grazie ai finanziamenti dell'Amministrazione comunale, le produzioni dei singoli istituti, comprensivi e paritari. Il 31 maggio, alle ore 16, verrà inaugurata la sede ampliata e ristrutturata della Scuola dell'Infanzia di Fondo Stiliano.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' impegnativo, nell'attuale realtà urbana, fare interagire il livello della città, affaccendata ed assorbita dai ritmi lavorativi e dai modi  produttivi, con il livello della città comunità educante, idea in continua e difficile costruzione, eppure condizione e contesto sempre più essenziali all'opera della scuola. Questa rassegna vuole contribuire ad una alleanza più stretta fra le due città: valorizza il lavoro delle scuole e sostiene i diritti degli alunni e quelli delle famiglie ad avere più qualità di tempo e di spazio, per incontrare le esperienze formative dei figli. 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -