LUGO - La città si mobilita per il Giorno della memoria

LUGO - La città si mobilita per il Giorno della memoria

LUGO - In occasione del Giorno della Memoria, che ricorre il 27 gennaio, data celebrativa dell’apertura dei cancelli di Auschwitz, alla fine della seconda Guerra Mondiale, il Comune di Lugo, in collaborazione con le scuole pubbliche e paritarie e il Distretto scolastico, ha organizzato una serie di iniziative, incontri e mostre.


La rievocazione si pone l’obiettivo di sollecitare conoscenza e consapevolezza, soprattutto nelle giovani generazioni, grazie ad un lavoro di ricerca e di riflessione, che avviene spesso tramite l’utilizzo di linguaggi multimediali e teatrali, adatti ad una migliore comunicazione con i ragazzi.

Le manifestazioni, patrocinate dal Comitato Unitario Antifascista e dalla Comunità Ebraica di Ferrara, sono iniziate il 15 gennaio scorso, nell’Aula Magna del Liceo Scientifico, dove ha avuto luogo un incontro fra gli studenti che si sono recati in viaggio ad Auschwitz, nel settembre di due anni fa. Il programma prosegue nelle giornate del 26 e 27 gennaio, il primo di febbraio e con un doppio appuntamento il 12 febbraio, all’ITIS alle ore 9 e, un’ora dopo, al Teatro Rossini di Lugo.

Il programma nel dettaglio


26 gennaio

ore 11,30 - Residenza Municipale di Lugo – Spazio antistante la Rocca

In segno di memore omaggio alle vittime della Shoah, il Sindaco Raffaele Cortesi deporrà una corona di alloro alla lapide che ricorda gli ebrei lughesi deportati e morti nei campi di concentramento; seguirà un minuto di silenzio e di raccoglimento.



27 gennaio

ore 9,45 - Aula Magna I.T.C. “G. Compagnoni”

Presentazione di ricerche multimediali realizzate dai ragazzi del “Compagnoni” di Lugo (“IG Farben, la fabbrica della morte”, “Il silenzio di Birkenau” e “Operazione Sunrise”).



1 febbraio

ore 20,45 – Residenza Municipale – Sala del Consiglio Comunale

Celebrazione del "Giorno della Memoria" in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti.

Apre la seduta il Presidente del Consiglio Comunale Alberto Pagani; a seguire

proiezione di diapositive e interventi dei capi gruppo consiliari prima delle conclusioni del Sindaco Raffaele Cortesi.



12 febbraio

ore 9 – ITIS

Inaugurazione della mostra “Oltre i cancelli della Memoria - Maggio 2005-Gennaio 2007: ventisei ragazzi e un percorso didattico tra Lugo e Auschwitz”.

La mostra sarà visitabile dal 12 febbraio al 16 marzo.



12 febbraio

ore 10 – Teatro Rossini

Col Patrocinio della Comunità Ebraica di Ferrara.

Incontro con Hanna Weiss sopravvissuta ad Auschwitz.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’iniziativa è riservata agli studenti delle classi III delle Scuole Secondarie di Primo Grado e alle classi IV delle Scuole Secondarie di Secondo Grado lughesi. Un appuntamento molto importante quello con Anna Kugler Weiss che, nella sua città natale, Fiume, causa le leggi razziali del ’38, si vede costretta ad abbandonare la scuola pubblica e a frequentare frettolosamente i corsi organizzati dalla scuola ebraica. Dopo l’8 settembre del 1943, nel momento in cui Fiume viene ammessa al terzo Reich, fugge con la famiglia nascondendosi in Romagna dove grazie all’aiuto di Vincenzo Tambini ed altri suoi amici, riceve documenti nuovi con il cognome Vieri. Nel 1944 cerca di riparare in Svizzera ma, in provincia di Varese, viene catturata. Varese, Como e Milano prima della tremenda esperienza di Auschwitz. La madre, i nonni e la sorella minore vengono uccisi all’arrivo, mentre Hanna e la sorella maggiore sopravvivono. Viene liberata nel 1945 dall’esercito Sovietico e ritorna in Italia, dove consegue il titolo di infermiera. Nel 1949 si trasferisce in Israele, dove lavora nei servizi sanitari, si sposa ed ha tre figli. Dal 1990 guida gruppi di giovani israeliani nei viaggi della Memoria in Polonia ed oggi dirige il Museo della Shoà di Nazareth Illit, la città in cui vive. Ma almeno tre o quattro volte l’anno torna ad Auschwitz con gruppi di giovani per far loro comprendere quello che è stato e che lei ha vissuto in prima persona.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -