Luttazzi silurato da La7: ''Non prendevo in giro il Papa''

Luttazzi silurato da La7: ''Non prendevo in giro il Papa''

“Non prendevo in giro il Papa, lui è un sant'uomo”. Daniele Luttazzi, il comico di Santarcangelo silurato da La7 per la volgarità del suo programma “Decameron” e per le offese nei confronti di Giuliano Ferrara, torna a parlare del suo licenziamento in un’intervista a ‘Repubblica’. Luttazzi sarebbe stato licenziato anche per la satira sulla nuova enciclica del Papa. “Nel monologo su Ferrara, da una parte mostravo gli eccessi sessuali e dall'altra gli eccessi della guerra”.


“Ferrara è stato uno dei più spietati propagandisti della guerra in Iraq – sostiene ancora il comico, intervistato da Leandro Palestini per ‘Repubblica’ -, così l'ho inserito in un quadretto grottesco che attinge alla tradizione satirica (quella di Rabelais), che in Italia va dal Ruzante a Dario Fo”.


Riguardo all’invito rivolto da Giuliano Ferrara allo stesso Luttazzi di partecipare alla trasmissione “Otto e mezzo” per parlare di satira, il romagnolo risponde così: “Ferrara è intelligente. È il primo che si diverte con la satira – chiosa Luttazzi -. Questo però raddoppia le sue responsabilità: lui ha fatto in Italia quello che l'Iraq Group di Carl Rowe ha fatto con gli americani. Ma io non vado ad aumentare l'audience di un programma altrui, soprattutto nella tv che ha cancellato il Decameron”.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -