Mafia, il pentito Brusca indagato per riciclaggio

Mafia, il pentito Brusca indagato per riciclaggio

Mafia, il pentito Brusca indagato per riciclaggio

MILANO - Il boss Giovanni Brusca, capo del mandamento mafioso di San Giuseppe Jato, tra gli esecutori materiali della strage di Capaci poi diventato collaboratore di giustizia, è stato indagato dalla Direzione distrettuale Antimafia di Palermo per riciclaggio, fittizia intestazione di beni e tentata estorsione aggravata. I Carabinieri del Gruppo di Monreale sono entrati nel carcere romano di Rebibbia con un ordine di perquisizione firmato dalla Procura di Palermo.

 

Altre perquisizioni sono state effettuate nelle province di Palermo, Roma, Milano, Chieti e Rovigo. L'indagine è scattata da una serie di intercettazioni effettuate dagli investigatori nell'ambito della cattura del latitante Domenica Raccuglia che hanno fatto emergere la disponibilità, da parte della famiglia Brusca, di beni che non sono ancora stati individuati. Brusca, 53 anni, è in carcere dal 20 maggio 1996. Per la Procura di Palermo, ma anche per quella di Caltanissetta, Brusca resta comunque un testimone fondamentale.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -