Malata psichica morta in ospedale: "Ombre sul decesso"

Malata psichica morta in ospedale: "Ombre sul decesso"

Malata psichica morta in ospedale: "Ombre sul decesso"

FORLI' - Ombre sulla morte della 53enne Renata Laghi, la donna afflitta da una malattia psichica in circostanze da chiarire il 6 ottobre del 2008 dieci giorni dopo la disposizione di un trattamento sanitario obbligatorio. Sul caso è stata aperta un'inchiesta da parte dell'assessore regionale Giovanni Bissoni e le conclusioni getterebbero nuove ombre sulla morte della donna. In un passaggio del documento conclusivo si parlerebbe di "inadeguato funzionamento" e "carenze".

 

Sotto accusa ci sarebbe la struttura sanitaria forlivese, secondo quanto viene anticipato dal consigliere regionale di Forza Italia-Pdl, Antonio Nervegna, che citando il documento conclusivo dell'indagine regionale parla di "carenze nella parte ospedaliera e nel coordinamento fra ospedale e territorio" .

 

Molti elementi di questa vicenda - i cui contorni dovranno essere accertati a livello giudiziario -  sono tristi e drammatici. I familiari della signora deceduta hanno formulato denunce gravissime sulle cure prestate e hanno lamentato i rapporti difficili con il personale medico e infermieristico durante il ricovero.

"Il giudizio dell'organismo di indagine è contraddittorio - ritiene Nervegna - . Da un lato si  evidenziano le criticità sopra descritte, e dall'altro si conclude dicendo che  'il piano programma (dell'Ausl, ndr) sulla gestione del rischio è stato  disegnato razionalmente' , ma  poi si aggiunge in un italiano farraginoso  che 'nel caso specifico la sua attivazione non ha portato ambiti di miglioramento' .  E sulle procedure della contenzione fisica del paziente  è stato detto che  'risultano insufficenti nel garantire il monitoraggio dei parametri' . Mentre sappiamo che i familiari della povera donna accusano apertamente  la struttura del reparto di  Psichiatria dell'Ospedale di Forlì di varie inadempienze.

 

Inoltre, spiega Nervegna, "hanno denunciato il caso a livello nazionale e si dicono disposti ad adire alle vie legali. Lungi da noi il poter trarre una valutazione definitiva - precisa Antonio Nervegna -  affermiamo però che le contestazioni e le criticità emerse anche nel corso dei  lavori  della stessa commissione di indagine regionale evidenziano - come altri casi  da noi già denunciati - ulteriori criticità del modello sanitario pubblico  forlivese".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


"Nel caso specifico - conclude Nervegna - è del tutto evidente che si rende necessario , anche da parte della  stessa Ausl di Forlì, avviare un'ulteriore verifica del funzionamento del  reparto di Psichiatria dell'Ospedale di Forlì e mettere in atto da subito (se  non è stato già fatto) tutte le iniziative e le procedure necessarie per rendere adeguato il servizio". 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -