Maltempo in montagna e sulla costa, dalla Regione 11 milioni di euro

Maltempo in montagna e sulla costa, dalla Regione 11 milioni di euro

Maltempo in montagna e sulla costa, dalla Regione 11 milioni di euro

L'ondata di maltempo che ha colpito l'Emilia-Romagna dal 9 all'11 marzo ha causato pesanti disagi sull'intero territorio, in particolare in montagna e sulla costa, ma anche in pianura, nelle aree con un più delicato equilibrio idrogeologico. Ai 7 milioni già disposti dalla Regione nei giorni scorsi si aggiungono ora 1,6 milioni di euro per i danni alla viabilità provinciale e 2 milioni di euro da parte dell'Agenzia regionale di Protezione Civile,  per un totale di quasi 11 milioni di euro.

 

I danni registrati finora sono anche peggiori rispetto a quelli riscontrati alla prima verifica e comunicati al Governo nella richiesta della dichiarazione dello stato d'emergenza avanzata da parte del  Presidente Vasco Errani l'11 marzo scorso. 


Da allora, ed a fronte di un Governo nazionale che non si è ancora espresso e che non ha ancora deciso di finanziare nemmeno i danni relativi alle calamità riconosciute l'anno scorso, la Regione Emilia-Romagna ha deciso di reagire aumentando ulteriormente le risorse già disponibili nei diversi settori e predisponendosi a ricaricare ulteriormente i capitoli necessari ad affrontare l'emergenza, nell'ambito del prossimo assestamento di bilancio.  Pertanto ai 7 milioni già disposti nei giorni scorsi si aggiungono ora 1,6 milioni di euro per i danni alla viabilità provinciale e 2 milioni di euro da parte dell'Agenzia regionale di Protezione Civile,  per un totale di quasi 11 milioni di euro. Risorse destinate ad attivare gli interventi più urgenti e indifferibili immediatamente cantierabili, finalizzati a mitigare le conseguenze sul territorio, per contribuire ad alleviare i disagi dei cittadini e delle imprese colpite dai gravi ed estesi disagi ambientali.


I finanziamenti sono destinati in particolare a ripristinare condizioni di sicurezza ai cittadini che vivono nei territori più colpiti dal maltempo, affrontando così subito le situazioni più urgenti, ovvero la viabilità nei comuni montani e la difesa della costa, oltre alla sicurezza dell'asta inferiore del fiume Po.


La Regione ritiene quindi fondamentale che il Governo dichiari lo stato di emergenza e assegni adeguati mezzi e poteri straordinari, assicurando significativi finanziamenti, utili ad affrontare con urgenza gli ulteriori interventi, per i quali le prime stime ammontano a circa 40 milioni di euro, necessari al ripristino delle normali condizioni di vita nei territori interessati.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -