Marcelletti ammette sms con 13enne ma nessun abuso

Marcelletti ammette sms con 13enne ma nessun abuso

Ha ammesso di aver fatto "una grossa cavolata" nell'aver intrattenuto un rapporto via sms con la bambina di 13 anni. E' quanto hanno sostenuto i legali di Carlo Marcelletti, il cardiochirurgo pediatrico agli arresti domiciliari, al termine del lungo interrogatorio di garanzia davanti al gip di Palermo. "Da parte del professor Marcelletti c'è stata, nel corso dell'interrogatorio di garanzia, l'ammissione totale di tutti gli addebiti" ha detto la Procura di Palermo.

 

Secondo i pm, il medico "ha giustificato solo le circostanze relative agli episodi di concussione e truffa, sostenendo di non conoscere bene il regolamento sulla libera professione e intramoenia dell'azienda ospedaliera civico".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I MESSAGGINI - "Il professor Marcelletti - ha dichiarato l'avvocato Roberto Tricoli - con molta lealtà ha ammesso di avere intrattenuto una relazione sentimentale con la madre della bambina e poi ha anche ammesso che, per qualche giorno, è stata coinvolta anche una minore." "Si tratta, è bene ribadirlo, di un atto erotico virtuale e cibernetico - ha proseguito l'avvocato - perché si tratta solo di alcune foto cancellate immediatamente dallo stesso Marcelletti pochi giorni dopo".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -