Marco Travaglio mercoledì sera al 'Mega' presenta ''Mani Sporche''

Marco Travaglio mercoledì sera al 'Mega' presenta ''Mani Sporche''

FORLI’ – Appuntamento da non perdere mercoledì 12 marzo dalle ore 18 al “Mega Forlì”, dove uno degli autori più seguiti degli ultimi tempi, Marco Travaglio, presenterà il suo ultimo libro “Mani sporche”, realizzato in collaborazione con Gianni Barbacetto e Peter Gomez. Una approfondita ed interessante inchiesta su come politica e affari, dopo lo scandalo di Mani Pulite, hanno raffinato i propri intrecci rendendoli più invisibili, ma forse anche più efficaci.


L’incontro, organizzato in collaborazione con il “Circolo della stampa”, sarà introdotto dal giornalista Roberto Zoli.


“Quindici anni dopo il biennio magico di Mani Pulite, l'Italia delle mani sporche ha perfezionato i metodi per rendersi più invisibile e invulnerabile – spiega la scheda del libro -. Prima sotto accusa erano i politici e il mondo industriale. Ora le parti sembrano invertite: sotto accusa sono soprattutto i magistrati. Ecco che cosa è successo negli ultimi anni, dal 2001 al 2007. Dal governo del cavalier Berlusconi e dell'ingegner Castelli a quello del professor Prodi e del ras di Ceppaloni, Mastella. La musica non cambia: è tutta colpa dei magistrati”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Quei pochi che resistono, combattono da soli, spesso abbandonati dallo stesso Csm, vessati dalla stampa, criticati dalle altre istituzioni. Le leggi vergogna varate da Berlusconi dovevano essere subito smantellate dal centro sinistra. Invece sono ancora in vigore. A quelle se ne sono aggiunte altre come l'indulto per svuotare le carceri (di nuovo piene), le intercettazioni e il bavaglio alla stampa, l'ordinamento giudiziario Mastella: tutto in barba alle promesse elettorali dell'Unione. Prima era necessario corrompere, ora i soldi i partiti se li danno da soli, il controllato e il controllore sono sempre la stessa persona”.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -