Marina Romea, conclude la serata alcolica contro i carabinieri: condannato a 7 mesi

Marina Romea, conclude la serata alcolica contro i carabinieri: condannato a 7 mesi

Marina Romea, conclude la serata alcolica contro i carabinieri: condannato a 7 mesi

RAVENNA - Nella mattinata di venerdì ha riportato la condanna una persona arrestata nei giorni scorsi dai Carabinieri di Ravenna. Movimentato l'episodio, che ha visto protagonista, nella serata di mercoledì, un italiano di 40 anni, C.B. il quale, mentre circolava su viale Italia a Marina Romea a bordo del suo scooter senza indossare il casco protettivo, ha incrociato una pattuglia dell'Arma. I militari hanno intimato al giovane di accostare.

 

E anche di fermarsi, ma questi ha continuato la marcia fino a cercare rifugio presso uno stabilimento balneare, pensando che fosse sufficiente a seminare la pattuglia. Invece è stato raggiunto e subito scovato, nonostante il tentativo di mimetizzarsi tra i bagnanti. Nemmeno il tempo di chiedergli i documenti che già aveva iniziato ad offendere e minacciare pesantemente i Carabinieri, addirittura con allusioni anche al loro omicidio.

 

Con molta pazienza, dato che l'uomo sembrava in stato di alterazione alcolica, hanno chiesto di porgere i documenti, ottenendone un secco rifiuto. Dopo altri tira e molla, alla fine l'uomo ha tirato sì fuori i documenti ma li ha gettati a terra, forse nella speranza di distrarre i militari, cercando di allontanarsi di nuovo a piedi. Bloccato di nuovo, ha reagito con violenza colpendo i militari con calci e gomitate, senza però riuscire a divincolarsi.

 

L'arrivo di altre pattuglie di rinforzo ha permesso infine di caricare in auto l'esagitato, per portarlo presso la Stazione di Marina Romea, dove, sottoposto all'alcoltest, è risultato avere un tasso alcolemico notevolmente superiore al consentito.

 

Dimostrazione che eccedere con il bere non è mai una buona idea, specie se associato alla guida, il pomeriggio bravo dell'uomo è terminato con l'arresto per resistenza a pubblico ufficiale, oltraggio e lesioni, avendo riportato i militari lievi contusioni, cui vanno aggiunti la guida in stato di ebbrezza, e altre 4 contravvenzioni al Codice della Strada rimediati (mancato uso del casco, inottemperanza all'alt, mancata revisione del veicolo, guida pericolosa), per complessivi 23 punti sottratti dalla patente che, peraltro, è stata sospesa immediatamente e ritirata , nonché il sequestro ai fini della confisca dello scooter. Oggi è arrivata la condanna a 7 mesi, senza sospensione della pena, con associata la misura cautelare dell'obbligo di firma giornaliero presso la Stazione dell'Arma.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -