Maroni si rivolge a Saviano: ''Deponiano le armi''

Maroni si rivolge a Saviano: ''Deponiano le armi''

Maroni si rivolge a Saviano: ''Deponiano le armi''

ROMA - "Deponiamo le armi". Il ministro dell'Interno Roberto Maroni smorza la polemica con l'autore di "Gomorra", Roberto Saviano, per le affermazioni dello scrittore durante la puntata di lunedì scorso "Vieni via con me" ("La 'ndrangheta al Nord interloquisce con la Lega"). "Spero che con l'arresto del boss latitante delle terre di Saviano (Antonio Iovine, detto O'ninno, ndr) si possa chiudere questa brutta pagina. E continuare tutti insieme la lotta alla criminalità".

 

Maroni ha aggiunto di stimare lo scrittore e di esser "rimasto sorpreso da lui". "Saviano dovrebbe essere al mio fianco, non dovremmo litigare, per questo mi sono arrabbiato - ha aggiunto il titolare del Viminale -. Ma l'arrabbiatura ora è passata e vorrei dirgli di deporre le armi che lui ha imbracciato contro di me".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -