Massa Lombarda, al via il festival biennale d'arte contemporanea

Massa Lombarda, al via il festival biennale d'arte contemporanea

MASSA LOMBARDA - "Lavori in corso d'opera" è il festival biennale che dal 2005, ogni due anni, si svolge a Massa Lombarda con l'obiettivo di porre l'attenzione sugli artisti e sulle arti, sui messaggi, i modelli, l'evoluzione e la trasformazione che questi vivono anche in base al mutare dei tempi e dei luoghi.

 

Il titolo della manifestazione - organizzata in collaborazione con l'Assessorato alla cultura del Comune di Massa Lombarda - riassume lo spirito e l'idea di base che anima l'intero progetto ideato da Lamberto Caravita (direttore artistico dello stesso): l'opera d'arte che nasce per lo specifico contesto. Infatti, le installazioni saranno appositamente realizzate a seconda della propria collocazione; alcune opere saranno realizzate direttamente durante le prime giornate di apertura, altre ancora prenderanno vita dopo la messa in scena di alcune performance. Anche il catalogo della mostra, con testo critico di Vania Bertozzi, rientra in questa filosofia: verrà infatti costruito "in corso d'opera" e presentato in chiusura, poiché conterrà le foto tratte dai video, dalle performance e dalle installazioni così come sono state realizzate nei vari luoghi coinvolti dal progetto.

 

I 68 artisti provengono da ogni parte d'Italia, dal nord al sud alle isole: in questa occasione si incontrano stili, linguaggi e generazioni diverse, da coloro che espongono per la prima volta a chi ha già partecipato a diverse biennali di Venezia, in una grande contaminazione di esperienze.

 

Diversi gli spazi della città anch'essi co-protagonisti dell'evento: la Sala del Carmine, con le installazioni site specific, la performance, il video e il suono; il Centro Culturale "Carlo Venturini" con opere collocate sia all'interno sia nel giardino esterno; la Biblioteca Comunale con la rassegna del libro d'artista e la poesia; il Centro Giovani Jyl, dove i writers eseguiranno in diretta i loro murales; la Chiesa di San Salvatore con suggestive videoinstallazioni; lo Studio d'Arte Contemporanea San Vitale 41 con la danza e le installazioni; infine interventi d'arte urbana lungo corso Vittorio Veneto.

 

Il festival si svolgerà da domenica 20 settembre a domenica 4 ottobre.

Il 20 settembre dalle ore 16 alle ore 20 è in programma l'inaugurazione della manifestazione, inaugurazione itinerante che partirà dalla Sala del Carmine con il saluto delle autorità e la presentazione del biennale festival che lasceranno poi la scena alla Performance di poesia di Maria Grazia Galatà (Video Michele Lambro), Silvia Golfera e Renato Sclaunich. Si proseguirà con la chiesa San Salvatore e l'inaugurazione del Video installazione di Andrea Bernabini. Anche tutti gli ambienti del Centro culturale "C.Venturini" sono coinvolti: nel giardino  ci sarà l'inaugurazione della mostra di sculture e performance degli scultori Lietta Morsiani (ceramica-terra cotta) e Giovanni Bellettini (marmo), che termineranno due sculture in corso d'opera; in Biblioteca sarà inaugurata la Rassegna del Libro d'Artista e in Pinacoteca  installazioni. Sarà poi la volta del Centro Giovani Jyl con Performance di Writing: realizzazione di murales  di  Troian  e Ego_Tek. Il giro inaugurale terminerà allo Studio San Vitale 41 dove è prevista la visita alla mostra con aperitivo e la performance di danza contemporanea Wild di Barbara Zanoni, scenografia di Antonio Caranti.

Anche domenica 4 ottobre il calendario degli appuntamenti sarà ricco di occasioni e verrà inoltre  presentato il catalogo di "Lavori in corso d'opera" edizione 2009 con testo critico di Vania Bertozzi.

 

"Lavori in corso d'opera" ancora una volta intende portare il pubblico e le istituzioni cittadine a fruire gli spazi della quotidianità in modo originale, attraverso una serie di eventi dalla forte contaminazione di linguaggi e proposte artistiche tra le più innovative in campo nazionale, con artisti capaci di far interagire il loro lavoro con i contesti architettonici e gli spazi ad essi circostanti. 

L'ideatore del festival "Lavori in corso d'opera", nonché suo direttore artistico, Lamberto Caravita, afferma con soddisfazione: "Questa nuova edizione non mancherà di stupire. Dedicata alle espressioni più nuove e all'avanguardia, rappresenterà una bella vetrina per capire che cos'è oggi l'arte contemporanea italiana e dove sta andando".

L'Unione Europea ha proclamato il 2009 anno della Creatività e dell'Innovazione quali risorse fondamentali per la vita personale e professionale dei suoi cittadini. "Questo è anche il tema che dal 2005 si prefigge "Lavori in corso d'opera" - spiega Caravita - Portare l'arte contemporanea fuori dai circuiti tradizionali così da avvicinare anche chi vive in una piccola città come la nostra ai nuovi linguaggi artistici dalla forte contaminazione". Attraverso le opere gli artisti, provenienti da più parti d'Italia, raccontano le loro esperienze e di come la  creatività e l'innovazione siano fondamentali per la loro vita e nella realizzazione della carriera professionale.

 

"Lavori in Corso d'Opera - commenta l'Assessore alla Cultura, Davide Pietrantoni - è l'idea di un cantiere dell'arte, di una mostra-laboratorio permanente, di uno spazio che muta e si evolve nel corso del tempo. La nostra città diventerà ricettore degli stimoli e delle suggestioni creative dei tanti artisti che, da tutta Italia, parteciperanno all'edizione di quest'anno. Una mostra da seguire nel suo sviluppo, dall'inaugurazione fino alla chiusura, giornata in cui verrà presentato il catalogo, anch'esso costruitosi sulla base di quello che accadrà durante le settimane dell'esposizione. Siamo giunti alla terza edizione e Lavori in corso ha già  più che raddoppiato sezioni ed artisti. Frutto questo, di un lavoro e  di un'identità forte e peculiare che questa iniziativa ha saputo costruirsi. Mi piace definirlo un festival della contaminazione dei linguaggi e delle idee".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -