MASSA LOMBARDA - Laboratori di pace: in beneficenza il ricavato della vendita dei manufatti artistici

MASSA LOMBARDA - Laboratori di pace: in beneficenza il ricavato della vendita dei manufatti artistici

MASSA LOMBARDA - I laboratori manuali-creativi del mercoledì pomeriggio, sorti da una collaborazione stretta e positiva fra l' Amministrazione Comunale di Massa Lombarda, lo Spazio Donna, Spi-Cgil, Udi hanno visto una grande partecipazione di donne sia massesi che straniere, coinvolte nella realizzazione di manufatti di grande pregio che sono stati venduti per ricavare fondi da destinare al progetto "Alfabeti di Pace", promosso dalla rete delle Donne in nero a sostegno dell'alfabetizzazione delle donne nel Kurdistan turco. Sono stati già versati i 300 € frutto delle "bancarelle" realizzate in occasione di mostre e feste; a questi vanno ad aggiungersi altri 300 € ricavati dall'Udi con la vendita di mimosa alla fabbrica Nespak, anche questi devoluti al medesimo progetto.


I laboratori nel frattempo proseguono in vista di altre occasioni in cui realizzare bancarelle per incrementare il contributo al progetto Alfabeti di Pace ed anche una cultura di integrazione e di pace nella nostra città.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'assessore all'Integrazione Isabella Marchetti così si esprime al proposito" Credo sia doveroso ringraziare oltre che le associazioni impegnate in questi progetti anche le singole donne massesi, marocchine, pachistane, albenesi, rumene, ecc. che hanno materialmente realizzato gli oggetti e che hanno reso concreta una cultura di pace lavorando assieme e condividendo spazi ed obiettivi. Oltre alla positiva esperienza, credo sia un insegnamento prezioso su quale sia il percorso da seguire per integrarci gli uni con gli altri, al di là delle provenienze geografiche : condividere gli spazi senza timori immotivati e perseguire tutti l'obiettivo comune di costruire una città solidale ed accogliente e di conseguenza più sicura".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -