Massacro di Capo Verde, Agnese Paci ascoltata dal Pm di Ravenna

Massacro di Capo Verde, Agnese Paci ascoltata dal Pm di Ravenna

RAVENNA - Il Pm di Ravenna, Gianluca Chiapponi, ha ascoltato per tre ore la 17enne Agnese Paci, la ragazza scampata al massacro di Capo Verde dove sono state uccise a colpi di sassate Dalia Saiani e Giorgia Busato.

La Paci ha ricostruito il terribile episodio avvenuto l'8 febbraio scorso nell'isola di Sal. La Busato e la Paci si erano ritrovate in casa della Saiani per recarsi a cena dall’ex di lei, Sandro Do Rosario, il quale ha raggiunto le tre ragazze con un amico. Dovevano raggiungere Espargos, ma improvvisamente il ragazzo ha deviato per Palmeira, un boschetto nei pressi della spiaggia di Fontona.

In tal momento si è scatenata la violenza dei due sulle povere ragazze. Prima hanno minacciato Agnese, quindi si sono appartati con la Saiani e la Busato che hanno intuito il pericolo a cui stavano andando contro. Le ragazze hanno offerto anche del denaro per sfuggire all'aggressione, ma nulla da fare. Sono state prese a colpi di pietra, rimanendo uccise. Poi sono state sepolte in spiaggia in una fossa scavata in fretta e furia. Forse la Saiani era ancora in vita quando è stata sotterrata. Sembra che ruolo nel delitto l'abbia ricoperto anche l'attuale fidanzata del killer. La ragazza Adilson Texeira avrebbe contribuito alla sepoltura dei cadaveri in spiaggia.
Successivamente la violenza di Sandro si è scagliata sulla 17enne Agnese colpita due volte a colpa di pietra. La giovane è svenuta sul colpo ed i due, credendola morta, sono fuggiti. Dopo essere rinvenuta ha raggiunto in taxi un gruppo di amici a cui ha raccontato tutto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo il delitto i due erano tornati al lavoro come se nulla fosse, ma poco dopo le forze dell’ordine li hanno tratti in arresto. La Polizia locale avrebbe, inoltre, accertato la sparizione della somma di 10mila euro che la Saiani aveva con se. A quanto pare il movente non è stato a scopo passionale, ma economico.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -