Mastella, lettera con minacce di morte

Mastella, lettera con minacce di morte

Mastella, lettera con minacce di morte

BENEVENTO - Una lettera di minacce con tanto di proiettile è stata recapitata al leader dei "Popolari per il Sud", Clemente Mastella, nella sua villa di Ceppaloni, in provincia di Benevento. Currimm', è Pasqua cù capretto", questo l'incipit della missiva minatoria.  Lunedì scorso a Napoli, dove ha deciso di candidarsi come sindaco, Mastella era stato insultato e minacciato da un gruppo di disoccupati nella zona di Spaccanapoli. "Ti è andata bene", si legge nella lettera.

 

"Ma la prossima volta non sbaglieremo- è stato scritto nella lettera in dialetto napoletano -. Anche perché non useremo le mani. Vedi questo pisellino (che sarebbe il proiettile, ndr)? Lo usavano le Br e non sbagliavano mai". Ma non è tutto, perché la missiva, sempre rivolgendosi a Mastella, ha intimato: "No a sindaco di Napoli. Resta nella tua terra. Pasqua non è così lontano".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -